Riflessioni sulla questione della Lingua Sarda

Lettera aperta di Pierluigi Caria

| di Pierluigi Caria - Delegato Fronte Indipendentista Unidu
| Categoria: Attualità
STAMPA

Abbiamo seguito negli scorsi giorni in alcuni giornali sardi, quella che crediamo di poter definire una vera e propria campagna stampa contro la standardizzazione della lingua sarda e contro le politiche per il bilinguismo che sono ad essa strettamente collegate. Da ultimo il 10 novembre, un articolo sulla Nuova Sardegna del noto antropologo Giulio Angioni, il quale sostiene la tesi secondo cui tutte le iniziative attuate nell'ottica di una politica linguistica per il bilinguismo sono inesorabilmente destinate a fallire, e a non ottenere i risultati per i quali sono state progettate. A dimostrazione di ciò il prof Angioni elenca diverse realtà europee nelle quali le lingue storiche locali sono state oppresse, e cita persino i casi della Catalogna e del Tirolo, dimostrando evidentemente di non avere alcuna conoscenza di quelle realtà, dove una politica linguistica portata avanti con la giusta determinazione per un lungo periodo ha dato origine a società bilingui in cui la lingua dello stato non prevale su quella locale. Il professor Angioni, dopo molti anni di grande ambiguità rispetto a questo argomento, ha preso chiaramente una posizione contraria all'ufficializzazione della lingua sarda, sostenendo fra le altre cose che una politica linguistica per il bilinguismo sia troppo difficile e costosa. Una posizione che contestiamo con forza in quanto è erede di quelle assunte dagli intellettuali sardi negli ultimi centocinquanta anni per giustificare l'italianizzazione linguistica della Sardegna. Va detto che il dispendio in termini economici e di energie, sarebbe ben poca cosa rispetto a quanto è stato speso sino ad ora per una istruzione scolastica pensata con lo scopo principale di sradicare la lingua sarda e di imporre l'uso della lingua italiana, ottenendo il risultato di avere percentuali fra le più alte in Europa di abbandono scolastico e una percentuale fra le più basse di laureati e di diplomati. La tesi di fondo sostenuta nell'articolo è che l'ufficializzazione della lingua sarda è una cosa inutile perchè la lingua " che unifica linguisticamente tutti i sardi per la prima volta nell'ultimo millennio" è il cosiddetto italiano regionale di Sardegna "inconfondibile per pronuncia, lessico, sintassi e stile oggi anche letterario" , sarebbe a dire quello che i sardi sono abituati a chiamare colloquialmente "italiano porcheddino". Il mistilinguismo, quando è una scelta consapevole, può essere utilizzato sperimentalmente in letteratura. Ma non è affatto consapevole la condizione in cui una popolazione non riesce a distinguere due codici linguistici diversi a causa di un sistema di Istruzione ossessivamente monolingue e sostanzialmente fallimentare. Angioni forse propone di rendere ufficiale nella nostra terra il cosiddetto "italiano regionale di Sardegna", dall'insegnamento scolastico all'uso nella burocrazia? Non lo credo. Credo invece che questa sia solo un argomento utilizzato strumentalmente per affossare l'instaurazione di un bilinguismo perfetto sardo-italiano in Sardegna, e la piena tutela delle altre lingue storiche nei territori interessati (le parlate sardo-corse, l'algherese e il tabarchino). Una posizione implicitamente fascista, la sua, anche se mascherata con una retorica pseudo democratica e fintamente preoccupata delle diversità e delle "parlate" locali o addirittura infantile quando si dice preoccupato dei "malati di ortografia". La realtà oggettiva che emerge dalle statistiche (Le lingue dei sardi 2007) ci mette a conoscenza del fatto che la grande maggioranza dei residenti in Sardegna è capace di parlare la nostra lingua, il 68,4%, mentre quasi la totalità lo capisce, il 97,4%. In qualsiasi Paese del mondo sarebbe considerata intollerabilmente fascista e antidemocratica una politica che esclude dalla piena ufficialità la lingua storica di un popolo, che è inoltre conosciuta attivamente ancora oggi da una grande parte della popolazione. Il prof Angioni scrive che "le lingue hanno tendenze incoercibili". Ebbene la situazione sociolinguistica di tutti i Paesi sviluppati del mondo dimostra la fallacità di questa sua affermazione: in ogni Paese la lingua dominante è risultata quella che è stata sostenuta dalle politiche pubbliche. Il sardo è una lingua che è stata minorizzata e che risente di una fortissima stigmata sociale presso i suoi stessi parlanti: ciò è avvenuto esclusivamente a causa delle politiche coercitive dello stato. E solo grazie ad una politica pubblica di bilinguismo può essere invertita questa tendenza, come dimostrano tutte le nazioni senza stato europee nelle quali è stato instaurato il bilinguismo perfetto nelle istituzioni. Il Fronte Indipendentista Unidu ha fiducia nelle politiche diretta all'ufficializzazione del sardo e si impegnerà costantemente per sostenerle. Ci batteremo con forza, dentro e fuori le istituzioni, per garantire un futuro alla nostra lingua, attraverso l'attuazione delle proposte politiche contenute nel nostro programma, tra cui: 1)l'insegnamento anche in lingua sarda in tutte le scuole sarde, pretendendo da subito il rispetto della legge 482; 2)l'utilizzo del sardo nei media e nei concorsi per il pubblico impiego; 3) Istituzione di un bilinguismo perfetto e utilizzo paritario del sardo e dell'italiano in tutte le istituzioni della Sardegna, oltre al sardo-corso o l'algherese o il tabarchino nei comuni nei quali sono storicamente parlati. Niente dura per sempre, come scrive il prof Angioni riferendosi alla lingua sarda. E noi speriamo che la prossima cosa che verrà spazzata via dalla storia, sia la classe intellettuale italianista di cui il egli stesso è un degno rappresentante. Una classe intellettuale che è responsabile di aver sostenuto attivamente le politiche che hanno condotto il nostro Paese alla miseria culturale, economica e sociale che possiamo tristemente constatare. Ne trarrebbe un grande vantaggio non solo la nostra lingua ma tutto il nostro popolo, che per la prima volta dopo oltre centocinquanta anni non sarebbe più ostaggio dei "cattivi maestri" che hanno il ruolo di tenerci mansueti sotto il giogo di uno stato straniero.

 

In sas dies passadas amus sighidu in sos giornales sardos, cussa chi credimus de pòdere definire una campagna de imprenta contra s'istandardizatzione de sa limba sarda e contra sas polìticas pro su bilinguìsmu chi sunt ligadas a issa. Pro ùrtimu, su 10 de santandria, un'artìculu in sa Nuova Sardegna de s'antropòlogu Giulio Angioni, chi at sustènnidu s'idea chi totu sas initziativas fatas pro mandare a in antis una polìtica linguìstica pro su bilinguìsmu sunt destinadas a fallire, e non podent arribare a sos risultados chi diant dèpere otènnere. Pro proare custa idea su professor Angioni mentovat unas cantas realidades europeas in ue sas limbas istòricas locales nche las ant oprimidas, e at faeddadu fintzas de sa Catalogna e de su Tirolo, mustrende chi no at peruna connoschèntzia de cussas esperièntzias, in ue una polìtica linguìstica sàvia e determinada, a pustis de unos cantos annos at pesadu sotziedades bilìngues in ue sa limba locale no est prus apeigada dae sa limba de s'istadu. Su prof Angioni, a pustis de annos meda de ambiguidade manna, in contu de custas chistiones, at esprimidu in manera crara una idea contrària a s'ufitzializatzione de sa limba sarda, narende tra sas àteras cosas chi una polìtica linguìstica pro su bilinguìsmu est tropu difìtzile e costat tropu. Un idea chi nois cherimus cuntrastare cun fortza, ca est s'erede legìtima de su chi ant iscritu sos intelletuales sardos in sos ùrtimos chentu chimbanta annos pro giustificare s'italianizatzione linguìstica de sa Sardigna. B'at de nàrrere chi su chi si diat dèpere gastare in tèrmines econòmicos e de energias umanas pro ufitzializare su sardu , diat èssere pagu cosa cunforma a totu su chi ant gastadu finas a oe pro un'istitutzione iscolàstica pensada mescamente pro nche ispèrdere sa limba nostra e pro impònnere s'impreu de sa limba italiana, balangiende comente risultadu de àere pertzentuales intre sas prus artas in Europa de giòvanos chi lassant s'iscola e pertzentuales intre sas prus bassas de laureados e diplomados. Sa tesi fundamentale chi difendet in s'artìculu est chi s'uffitzializatzione de sa limba sarda est una cosa inùtile ca sa limba " che unifica linguisticamente tutti i sardi per la prima volta nell'ultimo millennio" est s'italianu regionale de Sardigna "inconfondibile per pronuncia, lessico, sintassi e stile oggi anche letterario" , est a nàrrere su chi sos sardos sunt abituados a mutire "italianu porcheddinu". Su mistilinguismu, cando est unu sèberu fatu cun s'atinu, nche lu podent impreare pro esperimentos literàrios. Ma non lu faghet cun cussèntzia unu pòpulu chi non resessit a ischirriare duos còditzes linguìsticos diversos, pro more de unu sistema de Istrutzione monolìngue ossessivu e, podimus nàrrere, fallidu. Angioni fortzis est proponende de pònnere ufitziale in sa terra nostra s' "italianu regionale de Sardigna", dae s'imparu in iscola a s'impreu in sa burocratzia? Penso chi nono. Credo imbetzes chi custu siat petzi un'argumentu impreadu in manera istrumentale pro cuntrastare s'istitutzione de unu bilinguismu cumpridu sardu-italianu in Sardigna, e s'amparu de sas àteras limbas istòricas in sos giassos in ue si faeddant su sardo-corsu, s'aligheresu e su tabarchinu. Sa sua est un'idea fascista, fintzas si la trassat cun una retòrica psèudo-democràtica e si faghet pensamentosu pro sas "diversidades" e sos limbàgios locales o fintzas infantile cando narat de esseret preocupadu pro sos "malaidos de ortografia". Sa realidade ogetiva chi essit a pìgiu dae sas istatìsticas (Le lingue dei sardi 2007) nos faghet ischire chi sa majoria manna de sos sardos est capassa de faeddare sa limba nostra, su 68,4%, e belle totus lu cumprendent, su 97,4%. In cale si siat Terra de su mundu diant cunsiderare fascista e anti-democràtica una polìtica chi mantenet foras dae s'ufitzialidade sa limba istòrica de unu pòpulu, chi galu oe est connota ativamente dae una parte manna meda de sa populatzione. Su prof Angioni iscriet chi "le lingue hanno tendenze incoercibili". Però sa realidade sotziolinguìstica de totu sos pòpulos isvilupados de su mundu nos mustrat cantu est isballiada custa idea sua: in cada pòpulu est essida a pìgiu comente limba dominadora sa chi nche l'ant imposta sas polìticas pùblicas. Su sardu est una limba chi nche l'ant oprimida e l'ant postu una "istìgmata sotziale" giughende a una falta de istima de sos faeddadores suos etotu: custu est capitadu petzi pro neghe de sas polìticas coertzitivas de s'istadu. Petzi ponende una polìtica pùblica de bilinguismu sas cosas podent cambiare, comente ant dimostradu totu sas natziones sena istadu europeas chi ant postu unu bilinguismu cumpridu in sas istitutziones. Su Fronte Indipendentista Unidu credet in sas polìticas pro s'ufitzializatzione su sardu e s'at a impignare in manera fitiana pro las giùghere a in antis. Amus a gherrare cun fortza, in intro e in foras de sas istitutziones, pro garantire unu cras a sa limba nostra, ponende in pràtica su programma nostru pro sa polìtica linguìstica, chi prevedit intre sas àteras cosas: 1) s'imparu fintzas in limba sarda in totu sas iscolas sardas, pretendende deretu su rispetu de sa lege 482; 2) S'impreu de su sardu in sos mèdia e in sos cuncursos pro traballare in s'amministratzione pùblica; 3)Istitutzione de unu bilinguismu cumpridu e impreu paritàriu de su sardu e de s'italianu in totu sas istitutziones de Sardigna e in prus de su sardo-corsu o s'aligheresu o su tabarchinu in sas biddas in ue una de custas est sa limba istòrica de su logu. Nudda durat pro semper, comente iscriet su prof Angioni faeddende de sa limba sarda. E nois isperamus chi sa prima cosa chi nche l'at a trazare sa currente de s'istòria, at a èssere sa classe intelletuale italianista chi at atzapadu in issu unu rapresentante dignu. Una classe intelletuale chi est responsàbile de àere traballadu in manera ativa pro sas polìticas chi ant giutu su pòpulu nostru a sa misèria culturale, econòmica e sotziale chi podimus bìdere oe. Nde diat àere profetu non sa limba nostra ebbia ma totu su pòpulu nostru, chi pro sa prima borta a pustis de prus de chentu chimbanta annos non diat èssere prus presoneri de cussos "maistros malos" chi ant àpidu s'impreu de nos mantènnere masedos a suta de su giuale de un'istadu istràngiu.

Pierluigi Caria - Delegato Fronte Indipendentista Unidu

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK