La Primavera dei Paesi : i concorrenti del Premio Nino Carrus sfidano lo Spopolamento

| di Giulia Serra
| Categoria: Attualità
STAMPA
I 3 Vincitori del Premio Nino Carrus 2017

 

BORORE. Uscire dal letargo per rifiorire nella Primavera dei Paesi: potrebbe essere questa la sintesi della manifestazione svoltasi ieri a Borore per premiare i 3 vincitori della 4^ edizione del Premio Nino Carrus.

Così, dal centro di una Sardegna fiaccata da un progressivo spopolamento e da una crisi strutturale che interroga il presente ed il futuro, si alzano forti le voci, le idee ed i progetti di chi lavora per costruire nuove possibilità, visioni e proposte per un rilancio ed una rinascita che non possono che partire dal basso.

A farlo sono i giovani, con la spinta ideale di chi sa di dover apportare un proprio contributo per una causa certamente difficile ma che si può vincere: quella di puntare sulle peculiarità dei luoghi per dare vita ad un nuovo sistema di sviluppo calato dal basso, nel quale la Sardegna dei Paesi possa ritrovare una spinta vitale.

Premiati dalla commissione di valutazione del Premio Nino Carrus, Daniela Pisu (1°Premio), Francesca Zinchiri (2°Premio) e Luca Pirisi (Premio Tirrenia) hanno dimostrato che il sistema isolano ha tutte le carte in regola per ripensarsi e ri-fondarsi: centralità della persona anzitutto, ma anche sinergie tra amministratori locali e cittadini, recupero e riappropriazione delle bellezze, intelligenze da rimettere in circolo e soluzioni diversificate da paese a paese, attuando quella che il presidente dell’Anci Sardegna Emiliano Deiana ha definito “tecnica a mosaico”. Soluzioni local in grado di incidere però sul quadro generale e ridare forza propulsiva ai piccoli borghi, anima imprescindibile del sistema sardo che oggi, tra tagli di servizi e assenza di prospettive di lavoro, deve fare i conti con un declino socio-economico che rischia di affossare i più piccoli.

Non basta, come ha sottolineato la Sindaca di Fonni Daniela Falconi, lottare per non perdere i presidi dello Stato: è necessario anche liberare nuove idee e confrontarsi, perché non esiste una soluzione immediata allo spopolamento.

Se le ricette presentate ieri passano da una conoscenza vera ed approfondita dei luoghi, da una riappropriazione che è anzitutto intima prima di divenire operativa e costruttiva, uno sguardo va anche alle tante intelligenze che hanno lasciato l’Isola e che potrebbero, se vi fossero le condizioni, tornare e mettere a frutto nei diversi settori le esperienze maturate all’estero: una prospettiva che va costruita attraverso progetti mirati, nella consapevolezza che occorre fare tutti uno sforzo per trovare soluzioni ai problemi che affliggono ciascuna comunità.

E poi c’è quella che il Presidente dell’associazione Fausto Mura ha definito la vera infrastruttura da costruire: la fiducia. Se la crisi attuale è reale, essa può trasformarsi in opportunità: anche, come ha ribadito il vincitore del Premio Tirrenia Luca Pirisi, cambiando la narrazione dei territori, focalizzandosi sui dati, cercando le informazioni e leggendovi dentro le opportunità da cogliere.

Una fiducia da riconquistare in senso collettivo, perché per invertire la rotta servirebbe uno sforzo corale e sinergico all’interno sia delle singole comunità, sia dei territori e delle macro-aree dove queste sono inserite.

Se il declino dei paesi e il tema dello spopolamento è finalmente al centro del dibattito politico isolano, le attività dell’Associazione Nino Carrus si confermano come importanti occasioni di riflessione e di stimolo per la ricerca di soluzioni possibili: per questo ci auguriamo, come proposto anche durante la cerimonia di Premiazione da alcuni dei partecipanti, che i 31 elaborati che hanno partecipato al concorso possano essere pubblicati e resi fruibili al vasto pubblico, in quanto contengono progetti e idee che potrebbero essere studiate ed anche applicate in molti dei paesi sardi in

All’incontro hanno partecipato numerosi amministratori, tra cui la padrona di casa, la Sindaca di Borore Sebastiana Carboni, il sindaco di Bortigiadas Emiliano Deiana e la sindaca di Fonni Daniela Falconi (entrambi componenti della Commissione di Valutazione), il sindaco di Macomer Antonio Succu, quello di Silanus Gianpietro Arca e la sindaca di Birori Silvia Cadeddu.

 

Giulia Serra

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK