A Silanus il fronte contro Abbanoa: Venerdì l'assemblea pubblica con Adiconsum

| di Giulia Serra
| Categoria: Attualità
STAMPA

 

SILANUS. Non solo la Class Action per i rimborsi dovuti per l'erogazione di acqua non potabile, ma anche l'ordinanza relativa ai conguagli regolatori e il punto sulla causa per la mancata depurazione: è un pacchetto denso di questioni rilevanti quello che verrà messo sul tavolo e sviscerato in ogni suo punto nell'assemblea organizzata dal comitato Abbagiusta di Silanus in collaborazione con Adiconsum Sardegna.

Si terrà a Silanus Venerdì 16 Febbraio alle ore 18, ma gli organizzatori invitano alla partecipazione tutti coloro che hanno un contratto con il gestore unico Abbanoa, perché i temi trattati non riguardano un ristretto gruppo di persone o una singola comunità, ma tutti gli utenti della Sardegna.

Il primo punto in discussione è quello della class action per chiedere i rimborsi per l'acqua non potabile: verranno spiegate nel dettaglio le modalità di adesione individuale all'azione avviata dall'associazione dei consumatori, che mira ad ottenere il ricalcolo delle somme fatturate per ciascuna giornata di acqua non potabile erogata e quindi il rimborso delle maggiori spese sostenute dalle famiglie.

«La Class Action è stata già ammessa dal Tribunale di Cagliari – spiegano dal Comitato – ma visto che non sarà possibile riproporre in Sardegna un’altra azione di classe per la medesima fattispecie, è necessario che chiunque sia interessato aderisca formalmente nei termini e nei tempi previsti. Ad illustrarli sarà, nel corso dell'assemblea, il presidente Adiconsum Giorgio Vargiu».

Il secondo punto da trattare riguarda invece la recente ordinanza emessa dal Tribunale di Nuoro che, in attesa della prossima sentenza, ha accolto le richieste in favore dei consumatori per quanto riguarda il pagamento dei conguagli regolatori. Durante l'assemblea verranno date tutte le informazioni utili sia per chi ha già pagato che per chi ha presentato reclamo.

L'assemblea infine farà il punto sulle cosiddette “cause pilota”, come quella intentata presso il Giudice di Pace di Macomer dal comitato silanese, con la quale si è avanzata la richiesta di storno o restituzione delle somme fatturate e riscosse da Abbanoa per gli Oneri di Depurazione relativi al periodo 2006-2015. Depurazione che, come ha denunciato più volte il comitato, non sarebbe stata eseguita per anni.

Giulia Serra

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK