Sei “Giardinieri d'Arte” per il sito storico di Badde Salighes: il Progetto pilota approvato dall'Unione dei Comuni

| di Giulia Serra
| Categoria: Attualità
STAMPA

 

MACOMER. Un progetto complessivo da 380 mila euro frutto della collaborazione tra i 7 siti che fanno parte della rete dei Giardini Storici di Sardegna e un obiettivo, quello di creare un'opportunità di lavoro legandola alla tutela ed alla valorizzazione delle risorse del territorio: si chiama Giardinieri d'Arte e mira ad essere inserito nella misura "Cantieri di nuova attivazione" del programma Lavoras della Regione Sardegna.

Prevede di occupare per un tempo di 8 mesi 42 disoccupati, 6 per ciascun giardino, da impiegare per realizzare interventi di valorizzazione e messa in sicurezza del patrimonio ambientale da una parte e progetti di valorizzazione dei beni culturali e dei siti archeologici dall'altra.

L'idea è quella di creare occupazione, anche se in questo caso temporanea, attorno ai Giardini Storici della Sardegna, il circuito che mette insieme i siti di interesse storico e naturalistico della Sardegna e del quale fa parte anche Badde Salighes, la perla del Marghine in agro di Bolotana, con la sua villa inglese che fu dei Piercy e il prezioso giardino botanico di proprietà dell'Unione del Marghine.

Gli interventi individuati vanno dal rimboschimento alla realizzazione di sentieri e piste ciclopedonali, dalla riqualificazione degli accessi e delle zone verdi all'adeguamento per la fruizione dei siti da parte delle persone disabili.

Giovedì mattina, presso la sede istituzionale dell'Unione dei Comuni, il consiglio di amministrazione composto dal presidente Antonio Onorato Succu e dai consiglieri Luigi Daga e Gianpietro Arca ha approvato il progetto pilota da realizzare in forma associata: il Comune capofila è Santu Lussurgiu.

Si tratta di una misura aggiuntiva del più vasto programma Lavoras, che non andrà quindi a sottrarre risorse ai progetti già presentati dalle singole realtà comunali: «è un'altra opportunità che ci viene dal nostro patrimonio naturalistico e ambientale – ha commentato il Presidente dell'Unione dei Comuni Antonio Onorato Succu - che abbiamo il dovere di valorizzare e difendere».

Della rete dei Giardini Storici di Sardegna, nata lo scorso anno proprio a Santu Lussurgiu, fanno parte il Parco di San Leonardo di Siete Fuentes, il Parco di Badde Salighes a Bolotana, l'Orto Botanico Patrizio Gennari a Cagliari, il Giardino all'Italiana di Ignazio Aymerich a Laconi, l'Isola Giardino di Giuseppe Garibaldi a Caprera, il Giardino degli agrumi di Palazzo Boy a Milis e il Parco di Monserrato a Sassari.

Giulia Serra

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK