Le creazioni di Paola Canetto in vetrina al Corso di Macomer: con le festività natalizie spazio alla sperimentazione

| di Giulia Serra
| Categoria: Attualità
STAMPA
Alcuni lavori di Paola Canetto

 

MACOMER. Si avvicinano le festività natalizie e anche Macomer si prepara per una serie di eventi, tra i più svariati, che coloreranno ed arricchiranno per un intero mese le serate cittadine.

Negozi aperti per l'occasione anche nei week end e commercianti che si attrezzano per offrire ai clienti un'accoglienza fatta anche di curiosità e nuovi prodotti.

In questo clima s'inserisce l'iniziativa proposta da Anna Maria Murgia, titolare del negozio di Calzature ed Accessori in pieno Corso Umberto, che ha deciso di riservare uno spazio della propria vetrina per esporre le particolarissime creazioni di Paola Canetto, la cui espressione artistica emerge nei particolari nei quali imprime il suo sguardo sul mondo.

Insegnante per professione e ricercatrice di umanità per passione, Paola Canetto impiega il tempo libero a dar vita a piccoli gioielli che richiamano, in una lettura del tutto personale, gli abiti della tradizione della Sardegna e che, contemporaneamente, rincorrono orizzonti più ampi proiettandosi in un altrove da definire.

Piccole creazioni, pezzi unici mai uguali a loro stessi, che brillano di colori caldi e di accostamenti inaspettati, ai quali ora si sommano le pochette, le borse di piccole e medie dimensioni e persino una rielaborazione de “sa taschedda sarda”, tutte, rigorosamente, realizzate con stoffe e tessuti sardi ed impreziosite da curiosi bottoni dalle svariate forme e dai richiami espliciti o impliciti alla tradizione.

Non nuova alla sperimentazione, Paola si era già cimentata in un interessante connubio tra il viaggio, l'arte della fotografia e quella scrittura poetica, pubblicando un libro , “In viaggio: dentro e fuori”, nel quale la voce dell'autrice e il suo sguardo sulle realtà più diverse hanno generato un singolare reportage dall'espressa profondità evocativa in grado di richiamare, mostrare e significare i tragitti, le emozioni e le sfumature umane catturate in Cina, Perù, Cuba, Costarica, Panama e via discorrendo.

Sperimentazioni che oggi sfociano invece in originali accessori che faranno bella mostra di sé nell'attività commerciale di Anna Maria Murgia nelle giornate di Sabato 8 e Domenica 9 Dicembre e poi per l'intero periodo delle festività.

Giulia Serra

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK