Vertenza Latte: nulla di fatto dal tavolo romano, non si trova l'accordo sugli 80 cent al litro

| di a cura della Redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

 

Gli occhi della Sardegna erano tutti puntati sul tavolo ministeriale romano di oggi nel quale si sarebbe dovuto raggiungere l'accordo, ma le tante speranze di veder tornare a casa i propri rappresentanti con in tasca il prezzo della dignità rubata sono andate disattese. Per la “Vertenza Latte” dei Pastori Sardi un nulla di fatto e ancora un nuovo rinvio, questa volta ad un tavolo regionale.

Che le condizioni non fossero delle migliori si era capito dalla mancata partecipazione degli industriali, che hanno scelto di non sedersi al tavolo della trattativa e di delegare i rappresentanti di Assolatte esprimendo una posizione di chiusura rispetto alla proposta avanzata dai pastori sardi che chiedevano un prezzo minimo di 80 centesimi al litro.

Il Ministro dell'agricoltura Centinaio, al termine della riunione, si è detto comunque “molto soddisfatto”.

Delusi e visibilmente amareggiati invece i rappresentanti dei Pastori Sardi: “ci sentiamo umiliati” - ha dichiarato al termine dell'incontro ai giornalisti Nanneddu Sanna, uno dei partecipanti alla trattativa.

Nel frattempo il Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha nominato Giuseppe Marani, Prefetto di Sassari, come commissario della filiera del latte ovino.

Il Ministro Centinaio ha annunciato l'apertura di un tavolo tecnico, presieduto dallo stesso Prefetto di Sassari, per ragionare sul prezzo del latte.

a cura della Redazione

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK