Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Slot machine: esiste un modo per prevedere l’esito delle rullate?

| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Da una ventina a oltre un migliaio di linee di pagamento, l’offerta delle slot machine sia online che analogica è davvero varia e molteplice almeno quanto le migliaia di combinazioni che può dare come risultato ogni singola rullata. Eppure il desiderio segreto, ma neanche troppo, di ogni giocatore appassionato è quello di riuscire a leggere nei pensieri della macchinetta e finalmente giungere all’agognato jackpot.

Esistono però ragioni di diversa natura che non consentono che ciò avvenga, che impediscono di poter prevedere il gioco delle slot machine. È giusto, prima di spiegare alcune di queste ragioni, giungere subito all’assunto principale: per conoscere quando una slot sta per pagare si può solo barare e le leggi sono molto dure con chi commette questo genere di infrazioni.

Trucchi che sfidano la sicurezza delle slot

I trucchi per capire o addirittura sapere in anticipo quando una slot machine sta per pagare sono essenzialmente bufale. Negli anni si sono diffuse vere e proprie leggende che affermano il contrario.

Curioso, quasi divertente, il fantomatico trucco cinese per truffare le slot che consisterebbe nell’utilizzo di una piccola scatolina elettronica da appoggiare vicino a slot o apparecchi cambia monete per riuscire a manomettere i dispositivi. Dai video postati su YouTube è evidente che si tratta di una truffa: il dispositivo sarebbe una sorta di disturbatore di segnale, sul sito internet dove si può acquistare si nota chiaramente che parliamo di una tecnologia obsoleta. Sì, esiste un sito internet che vende questo aggeggio, non disperso nel deep web ma addirittura pubblicizzato, basta questo per capire quale sia la vera truffa.

Sarebbe da vedere all’opera uno degli espertissimi che infilano la monetina nell’apparecchio e cercano di sentire, tramite il rumore del tonfo, se questa è una slot piena di denaro che li attende. In gergo quando una slot è piena si dice “in battuta”, il problema è che realisticamente la slot non può scendere sotto il limite consentito di denaro, deve esserci sempre una quantità di gettoni adatta a pagare le vincite. È lecito il dubbio che anche l’orecchio più fino possa riuscire nell’impresa di predire il gioco dal suono di una monetina.

Truffe che violano la sicurezza delle slot

Attenzione però, non esistono solo questi trucchetti che, in fin dei conti, non creano gran danno, ma esistono anche vere e proprie frodi molto più complesse che in passato sono andate a segno. Su tutte bisogna citare la truffa emersa grazie al lavoro di inchiesta della giornalista delle Iene Nadia Toffa. In pratica alcuni concessionari avrebbero fornito le password delle loro slot ad alcuni giocatori complici. Questi si sarebbero recati presso i locali degli esercenti con la piena sicurezza che alcune slot fossero in fase di pagamento, vincendo così molti soldi che avrebbero poi dato ai concessionari, guadagnando la loro parte. Questi quindi si sarebbero intascati non solo la loro spettante fetta di ricavi dalle slot di proprietà, ma anche parte dei soldi delle vincite!

Ovviamente la segnalazione che riceve la Toffa è anonima, ma questa persona parla di responsabilità dei concessionari e addirittura di una applicazione mobile per conoscere quale sia la slot più vicina pronta a pagare. A quel punto la Toffa si mette in contatto con i Monopoli di Stato per capire se è vero che anche i concessionari conoscano le password per conoscere i cicli di gioco delle slot. La risposta è affermativa.

Leggi matematiche applicate alle slot machine

Breve recap: i trucchetti non funzionano praticamente mai, le truffe funzionano se si hanno dei complici tra chi è nel circuito interno di produzione e distribuzione delle slot machine. In entrambi i casi si tratta di attività fraudolente perseguibili dalla legge.

Tocca dire che anche la statistica non viene incontro al giocatore che si trova tutto solo di fronte al muro dell’aleatorietà. Proviamo a spiegarci meglio: è una atteggiamento abbastanza diffuso quello di credere che attraverso lo studio delle sequenze si possa in qualche modo prevedere l’esito di un’estrazione, un tiro di roulette o una rullata alle slot.

Talmente diffuso che questo ‘credo’ ha un nome: fallacia dello scommettitore. In buona sostanza un giocatore crede che i turni di gioco passati possano influenzare quello che sta per avvenire, ma nei fatti non è così. Se giochiamo a testa o croce abbiamo ogni volta il 50% di possibilità di indovinare. Ma se croce è uscita già 5 volte? Sempre 50 e 50.

Si può dire che la possibilità che croce esca è ½, la possibilità che croce esca 6 volte consecutiveè (½) elevato alla sesta cioè 1/64, 1 su 64. Eppure la scommessa non è quella, ma quale sarà l’esito del prossimo tiro, e le possibilità del prossimo tiro sono sempre 50 e 50. Questo vale per il rosso e nero della roulette, per i numeri ritardatari del lotto, addirittura per i figli maschi e le figlie femmine, e ovviamente anche per le slot. Questa è in pratica l’essenza pratica dell’aleatorietà. 

Morale della favola

Quindi non c’è nessuna buona notizia, nessun appiglio per guadagnare un po’ di vantaggio sulla robotica e tiranna slot? Ci si può aiutare in qualche modo, del tutto lecito, ma diciamo prima una cosa: l’aleatorietà del, il suo essere totalmente imprevedibile, è un fatto buono perché lo rende sicuro e garantito. Per tutti.

Per quanto riguarda i consigli, il migliore che si possa dare è giocare con una certa presenza di spirito. Innanzitutto partire con un account online che comporta tutta una serie di vantaggi: poter leggere le istruzioni con calma, capire bene a cosa si sta giocando, avere una vasta gamma di scelta.

Sul web sarà facile consultare l’indice RTP, acronimo di retourn to player, delle slot machine. Si tratta di una percentuale teorica di quanto debbano restituire in vincite le slot rispetto a quanto le persone ci hanno giocato. Nel pratico: tra una slot che ha un RTP del 70% e un’altra del 90% è meglio scegliere quest’ultima poiché su un certo numero di soldi giocati (di cui non è dato sapere l’esatto ammontare) paga di più.

Infine è sempre sinonimo di garanzia scegliere chi è da tempo sul mercato (senza discriminare i nuovi arrivati). Il gioco d’azzardo italiano ha il suo leader trentennale che offre quanto detto finora, una library slot avanguardistica e le promozioni e i bonus che solo le realtà davvero solide possono permettersi. Più generale per sentirsi sempre al sicuro nel proprio gioco è sufficiente scegliere un allibratore, o più di uno, che sia in possesso della regolare licenza ADM. Sempre in prima pagina, sempre in bella evidenza.

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK