Arte e scienza per trasformare la crisi in opportunità: il Festival della Resilienza 2019 si avvicina al gran finale

| di associazione ProPositivo
| Categoria: Attualità
STAMPA

 

MACOMER. Dopo più di 25 giorni, il Festival della Resilienza di Macomer si prepara al gran finale.

Dall’11 Luglio il territorio del Marghine, con incursioni anche in Planargia, Meilogu e Barbagia, è stato animato da un flusso corposo di artisti e ricercatori, chiamati a raccolta dall’associazione ProPositivo per cercare di “trasformare la crisi in opportunità” a partire dal fenomeno dello spopolamento e della crisi socio-economica. Nato nel 2015 sulla spinta di un gruppo di giovani sardi emigrati, fermamente decisi a non lasciarsi andare in semplici lamentele sui problemi, per concentrarsi nella ricerca di soluzioni possibili. Il festival è passato da un 5 giorni di programmazione ad un mese nell’edizione 2019, imperniato su arte e scienza e supportato da numerosi partner, tra i quali la Fondazione di Sardegna, Sardegna Film Commission, Tirrenia, Sardegna Teatro.

Un ricco calendario che si è concentrato, da un lato, sulla street art. Sotto la curatela di Isabel Gollin e il supporto di Valentina Vinci, il progetto ha visto oltre 20 artisti provenienti da Sardegna, Italia, Spagna e Messico, realizzare 15 opere tra Macomer, Borore, Silanus e Bonorva, andando ad arricchire la mappa dei murales esistenti, lanciata da ProPositivo nel 2016 e che oggi conta ben 35 interventi che mirano a creare un incontro tra tradizione e innovazione. Dall’altra, l’associazione ha organizzato una scuola estiva guidata da Luca Pirisi, Gianluca Atzori e Azzurra Lochi che, con il supporto di formatori di L’Espresso, La Stampa, Accademia Dimitri (Svizzera) e Project XX1 (Roma), ha creato un ponte tra giornalismo e teatro per coinvolgere istituzioni, imprese e cittadini nella riflessione sull’annoso problema dell’emigrazione di massa e del calo demografico e nella definizione di nuove linee di narrazione e azione sul territorio.

Un susseguirsi di ospiti e attività che si concluderà con ResiliExpo, una tre giorni di eventi all'insegna della cultura, dell’artigianato, della musica e dello sport, in programma dal 7 al 9 Agosto presso gli spazi e i padiglioni delle Ex-Caserme Mura di Macomer. In particolare il calendario prevede:

Una importante offerta culturale, impreziosita per tutta la manifestazione dai tornei sportivi di Giogamos Paris: Revolution, organizzati in collaborazione con il Forum Giovani di Macomer e l’associazione Macomente, e di un expo di artigianato, arte, gastronomia e innovazione, curato da 8 Zero Arte e Design e Giovanni Cocco.

La sfida di trasformare la crisi in opportunità è prioritaria per tutta la Sardegna e per buona parte di Italia e, nonostante le difficoltà, con spirito propositivo a Macomer sembra che oggi sia più possibile. Per maggiori info: https://www.facebook.com/festivaldellaresilienza/

associazione ProPositivo

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK