Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

"Manca la volontà di indire un Referendum": le Opposizioni Macomeresi scrivono una lettera aperta al Sindaco Succu

| di I Consiglieri di Minoranza
| Categoria: Politica | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Egr. Signor

SINDACO di Macomer

                                    Copia per conoscenza:

  • Egregio Signor PREFETTO di Nuoro

  • Egregio Signor MINISTRO DELL’INTERNO

    Indizione - ai sensi dell’ art. 18 dello Statuto comunale - di un referendum consultivo sull’opportunità di realizzare un  Centro di Permanenza per i Rimpatri nell’ex carcere mandamentale di Macomer.

    In relazione all’argomento in oggetto, intendiamo innanzitutto far presente di considerare del tutto fuori luogo la sua volontà di subordinare l’indizione del referendum al preventivo nulla osta del Ministero dell’Interno, ribadita anche nella sua recente comunicazione del 3.11.2017 prot. n. 19232. Non comprendiamo infatti quale competenza ministeriale possa esservi in materia di applicazione di una norma contenuta nello Statuto comunale che è lo strumento attraverso il quale si esprime e viene riconosciuta l’autonomia del Comune ed in quanto tale non può essere oggetto di interferenza da parte di altri livelli istituzionali.

    Troviamo oltremodo sorprendente che l’iniziativa di chiedere una sorta di autorizzazione ministeriale – per di più in materia di partecipazione democratica dei cittadini – provenga da un Sindaco espressione di una forza politica che si autodefinisce sovranista, indipendentista e  strenua sostenitrice dell’Autonomia e dello strumento referendario.

    Rileviamo inoltre come le sue dichiarazioni agli organi di informazione di essere “un fermo sostenitore degli strumenti democratici, a partire dal referendum, sempre che i Cittadini abbiano tutte le informazioni corrette per decidere consapevolmente”, si pongano  in stridente contrasto  con la sua decisione di iscrivere la richiesta di referendum non al primo punto -  come da noi sollecitato  – ma al dodicesimo dell’ordine del giorno della seduta del 13.11.2017, scelta che non favorisce certo la partecipazione e l’informazione dei cittadini. Analogo contrasto emerge  dalla sua indisponibilità ad accogliere la ns. sollecitazione ad elaborare ed approvare in tempi rapidi il regolamento attuativo del referendum consultivo. Sottolineiamo come, rispetto a tale ultimo impegno, la sua Giunta sia in grave ed ingiustificabile ritardo, avendo disatteso il contenuto della mozione approvata in modo unanime ben quattro anni fa dal Consiglio comunale con la propria deliberazione n. 93 del 18.12.2013.

     Di fronte a tali evidenti contraddizioni, è lecito pensare che manchi in realtà la volontà di consentire ai cittadini di esprimersi attraverso il referendum sulla istituzione del C.P.R. nell’ex carcere e se ne voglia scaricare la responsabilità sul Ministero dell’Interno.

     E’ di questi giorni la notizia della costituzione di un comitato promotore del referendum consultivo sul C.P.R. attraverso una richiesta sottoscritta direttamente dai cittadini, come ugualmente previsto dall’art. 18 dello Statuto. A ns. avviso il Consiglio comunale darebbe un positivo segnale di apertura e di sensibilità democratica, se deliberasse esso stesso in modo unanime  nella seduta di lunedì 13.11.2017 l’indizione del referendum ed approvasse il regolamento attuativo nella riunione già programmata per il 27.11.2017.

     Una decisione in tal senso contribuirebbe ad attenuare il preoccupante clima di tensione e talvolta di velenosa strumentalizzazione che si sta addensando attorno al problema del C.P.R., consentendo che siano i cittadini ad esprimersi  liberamente e democraticamente su una materia tanto opinabile e controversa, evitando che essa possa condizionare negativamente, alimentando lacerazioni e forti contrapposizioni, la prossima campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio comunale.

     Confidando che tale ns. auspicio possa trovare la più ampia condivisione, porgiamo cordiali saluti.

     

                                                               I Consiglieri Comunali

     

    Rita Atzori    -    Federico Castori     -     Giuseppe Ledda    -   Giuseppe M. Pirisi    -   Riccardo Uda

I Consiglieri di Minoranza

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK