Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Macomer. Esito negativo del bando per l’assegnazione a canone moderato di 22 alloggi: le Minoranze chiedono un approfondimento

| di I Consiglieri di Minoranza
| Categoria: Politica | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Al SINDACO DI MACOMER 

Interpellanza sull’esito negativo del bando per l’assegnazione a canone moderato dei 22 alloggi realizzati attraverso la riqualificazione dell’ex stabilimento B.D.R. in Via Cavour.

Premesso:

  • che  nel 2006 la Giunta Mura allora in carica avviò un  programma per il recupero ed il riutilizzo  dei fabbricati dismessi della vecchia zona industriale di Macomer, predisponendo un progetto per il recupero dell’ex stabilimento BDR tra le Vie Cavour e Beltrame di Bagnacavallo, al fine di realizzarvi 22 alloggi da destinare alla locazione a canone moderato, partecipando per il suo finanziamento ad un apposito bando regionale;

  • che tale intervento si aggiungeva a quelli programmati negli anni precedenti per il recupero dell’ex stabilimento dell’ALAS, con la realizzazione della sede del Centro per l’Impiego e di un centro fieristico con annesso museo della lana, avviando così un processo di riqualificazione di un comparto urbanistico che versava  in condizioni di grave degrado ed abbandono, dopo la cessazione delle precedenti attività industriali;

  • che il progetto per l’area ex BDR – classificato  in sede di formulazione della graduatoria come intervento a carattere esemplare - prevedeva lavori per €. 3.982.183, di cui €. 3.077.355 coperti da finanziamento regionale ed  €. 904.833 da risorse  comunali acquisite attraverso la contrazione di un mutuo, le cui rate d’ammortamento dovevano essere coperte attraverso la riscossione dei  canoni di locazione e dei proventi dal riscatto degli alloggi;

  • che l’incidenza di tale progetto andava oltre la dimensione urbanistica, in quanto era finalizzato – attraverso la locazione a canone moderato con la possibilità per 15 alloggi di riscatto finale dopo 15 anni di locazione – ad offrire soluzioni praticabili per il problema della prima abitazione a quelle persone che risiedono o lavorano a Macomer, ma  che, per ragioni di reddito, sono esclusi dai bandi AREA per l’assegnazione di alloggi di edilizia economica e popolare;

  • che la realizzazione di tale opera ha avuto un iter autorizzativo e procedurale molto complesso, per effetto del quale l’esecuzione dei lavori da parte dell’Impresa appaltatrice Consorzio Ciro Menotti  ha registrato una lunga serie di proroghe, per cui ancora oggi essi sono in fase di completamento.

Considerato:

  1. che, in vista dell’imminente fine dei lavori, in data 12.7.2017 il Comune ha pubblicato il bando per l’assegnazione dei 22 alloggi – di dimensione variabile tra 40 e 86 metri quadrati e con un canone mensile  da €. 114 a €. 280 – riservato ai residenti od a coloro che hanno in Città la sede lavorativa, i cui nuclei familiari hanno conseguito nel 2015 un reddito lordo (con le deduzioni previste dalla legge per numero di componenti e lavoro dipendente) non inferiore a €. 14.162  e non superiore a €. 28.324 per la sola locazione ed a €. 45.205 per la locazione con possibilità di riscatto;

  2. che la graduatoria pubblicata in data 8.11.2017 all’albo pretorio evidenzia un esito molto negativo, essendo pervenute soltanto sei domande, tutte di soggetti già residenti a Macomer, nonostante la vasta platea di persone potenzialmente interessate, anche fra coloro che risiedono altrove ma che hanno a Macomer la loro sede di lavoro, come il personale militare del 5° Reggimento Genio Guastatori, personale della scuola, etc.;

Tutto ciò premesso e considerato, chiediamo con la presente interpellanza che in  sede consiliare vengano  approfondite le cause all’origine di tale insuccesso e definite le iniziative  per rimuoverle, in previsione della ripubblicazione del bando, a partire da un’adeguata campagna informativa verso i potenziali fruitori e dalla riduzione delle aliquote troppo elevate dei tributi locali che disincentivano i trasferimenti di residenza nella ns. Città.

 

    I Consiglieri comunali

Rita Atzori          Federico Castori            Giuseppe Ledda         Giuseppe M. Pirisi      Riccardo Uda

I Consiglieri di Minoranza

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK