Macomer. L'Assessora Tiziana Atzori risponde alle Minoranze: “sul calo demografico le solite strumentalizzazioni”

| di a cura della Redazione
| Categoria: Politica
STAMPA

 

MACOMER. Botta e risposta tra Maggioranza e Minoranza cittadina sui dati che certificano lo Spopolamento che investe anche Macomer, scesa sotto la soglia dei 10 mila abitanti.

Se con una nota stampa i consiglieri di Opposizione avevano puntato il dito sul Sindaco Succu, accusato di aver presentato “un bilancio immaginifico del suo mandato”, a rispondere a stretto giro è l'Assessora alla Cultura Tiziana Atzori, che sui Social posta i dati Istat riguardanti la città e scrive:

il calo demografico è un fenomeno sempre più in espansione, non solo su tutto il territorio nazionale, ma addirittura in tutto il mondo occidentale. Come sempre, le affermazioni della Minoranza vengono smentite non solo dai fatti concreti di questa Maggioranza, ma da diverse testate giornalistiche, da documenti certificati e dai dati Istat. 
Nelle tabelle pubblicate, si evince che il punto massimo di crescita demografica Macomer lo ha raggiunto nel 1991 con 11.424 abitanti e nel 1992 è iniziata la flessione.

Ovviamente – è l'affondo dell'Assessora - non ci permettiamo di dare la colpa al Sindaco in carica nel 1992 ( indovinate chi era?) o a qualcun'altro, nonostante in quegli anni chiusero diverse fabbriche: tra queste la Birreria, Intex messa in liquidazione nel 2000, la Tirsotex smembrata nel 1993, nel 2001 chiuso il Gruppo Tessile Mediterraneo, il vecchio Consorzio Latte nel 1999, Rosada nell'anno 2001, etc.

La verità è che siamo di fronte ad un problema complesso ed epocale. Diffidate da certe strumentalizzazioni, non sanno più a cosa appigliarsi” - chiude Atzori invitando tutti a visitare i siti  Www.tuttiitalia.it , Www.comuni-italiani.it , Www.demografiche.istat.it , Www.demo.istat.it .

a cura della Redazione

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK