Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

"La nomina di un condannato per reati contro beni paesaggistici a Comandante del Corpo Forestale è un atto grave ed irresponsabile": il Deputato M5S Manca durissimo dopo la nomina di Casula

di Alberto Manca, portavoce dei cittadini presso la Camera dei Deputati

| di Alberto Manca, Deputato M5S
| Categoria: Politica | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

 

Anche stavolta è andato tutto come da tempo previsto e temuto.

La nomina del Dott. Casula a Comandante del Corpo Forestale e di Vigilanza ambientale della Sardegna è l'ennesima umiliazione che la vecchia politica intrisa di clientelismo e logiche spartitorie ha voluto infliggere ad un Corpo già pieno di problemi, ma anche a tutti i cittadini sardi, i quali pretendono che i vertici delle pubbliche amministrazioni siano rappresentati da profili che godono di unanime prestigio, indiscussa moralità e comprovata competenza. Caratteristiche che, spiace dirlo, non sono facilmente riscontrabili nel Dott. Casula, noto alle cronache per un decreto penale di condanna emesso a suo carico nel 2016 in relazione all'inchiesta sull’inopportuna e comunque illecita ceduazione di lecceto nella foresta millenaria di Marganai (tra Domusnovas, Iglesias e Fluminimaggiore).

Un taglio di alberi per svariati ettari, che non è arrivato alle centinaia previste dal progetto solo in seguito alla sospensione dello stesso avvenuta dopo l'intervento della Soprintendenza per i Beni Paesaggistici.

Non si può comprendere come il progettista di un simile intervento, sanzionato penalmente in quanto eseguito senza le necessarie autorizzazioni e pertanto in violazione dei vincoli che interessano l'area, possa essere ragionevolmente ritenuto il soggetto più idoneo a dirigere l'ente regionale preposto alla tutela dei boschi e dell'ambiente in generale.

Così come non si comprende il perché della sua nomina, risalente al 2015, a Direttore Generale dell'Agenzia FoReSTAS (già Ente Foreste della Sardegna) nonostante nella sua precedente attività di Commissario straordinario del comune di Seneghe fosse stato colpito da un rinvio a giudizio (tuttora pendente sebbene in odore di prescrizione) per delitti contro la Pubblica Amministrazione come la turbativa d'asta e la frode nelle pubbliche forniture: al di là del sacrosanto principio di non colpevolezza, elementari valutazioni di opportunità politica avrebbero dovuto indurre (ora come allora) chi di dovere ad optare per la scelta di un profilo diverso e privo di ombre.

La credibilità di un Ente Pubblico che tra i suoi compiti ha quello di far rispettare la legge e (quando necessario) applicare sanzioni in una materia delicatissima come quella ambientale, rischia di essere gravemente minacciata nel momento in cui la sua figura apicale non è o non appare al di sopra di ogni sospetto.

Si tratta di particolari che non possono essere lasciati passare sotto silenzio: è giusto che i cittadini ne siano adeguatamente informati e possano trarne le dovute conclusioni, in modo che chi ha compiuto o avallato tale scelta sia chiamato a risponderne pubblicamente. La Giunta regionale ci spieghi per quale motivo non ha tenuto in considerazione questi elementi che il buon senso avrebbe dovuto far prevalere, inducendola ad effettuare un’altra designazione.

 

Alberto Manca, Deputato M5S

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK