Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Macomer Rinasce: "Questo è il metodo dell'abbandono sociale"

L'intervento del gruppo politico Macomer Rinasce

| di Gruppo Macomer Rinasce
| Categoria: Politica | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Il sindaco Succu ha ragione a dire "ho l'impressione che non si tratti dell'epilogo di un percorso individuale e isolato, ma la punta dell'iceberg di un fenomeno sociologico" e che tale fenomeno sociologico non sia " [...]il problema di una famiglia, ma anche di un contesto sociologico complesso", difatti non si tratta di un caso isolato ma semplicemente del caso che ha preso la piega più drammatica e nefasta che, a nostro avviso, poteva avere molti altri diversi finali drammatici e magari questo finale, per puro caso, non è stato quello di altri ragazzi. 

Inoltre ha ragione il sindaco, perché tra le sue parole sembra leggersi una sorta di ammissione di "concorso di colpa" perché prima di tutto è troppo semplicistico dire che si tratti di un "fenomeno sociologico che negli ultimi 20/30 anni ha portato alla trasformazione dei contenuti e della struttura sociale in cui viviamo", poichè il tempo non pare così esageratamente lungo, magari iniziato 20/30 anni fa, ma sicuramente lasciato peggiorare con "il metodo dell'abbandono sociale" dove in questi ultimi anni anche egli è stato il maggiore rappresentante di questa ingiusta e fallimentare società, ma soprattutto perché come egli ha detto questo "contesto sociologico complesso deve essere doverosamente analizzato nelle sue pericolose degenerazioni al fine di trovare adeguate soluzioni" verrà "analizzato" ed eventualmente "risolto" soltanto dopo molti anni di incuria, abbandono, e perdite che rappresentano la causa del fallimento della nostra società, nel nostro piccolo quella macomerese e soprattutto di chi dovrebbe spendere energie ed impegno nell'amministrarla.

Non perda tempo, il sindaco, a gridare "i buoi sono scappati" ma cerchi di attivarsi per provare a salvare i buoi rimasti, avendo l'umiltà di chiedere aiuto, in questo difficile compito, a chi vuole impegnarsi e battersi per  l'impegno civile della nostra comunità, senza tarpargli le ali per un suo inutile e dannoso capriccio. 

Consci del fatto che la formazione di un individuo si basi su tre pilastri fondamentali: famiglia, scuola e servizi pubblici, c'è da chiedersi in quale punto la nostra comunità si sia inceppata.

Sicuramente l'aver interrotto l'erogazione di validi e collaudati servizi pubblici ed aver reso i superstiti come servizi elitari va rintracciato come importante causa di questo fallimento.

C'è da chiedersi se l'amministrazione comunale abbia idea di cosa significhi impegnarsi per il sociale abbattendo le differenze sociali iniziando dai più piccoli, facendoli convivere con i disabili, creando integrazioni tra le varie culture tramite luoghi di aggregazione quali centri di aggregazione sociale, oratorio, ludoteche, abbattendo le differenze sociali con attività gratuite che prima erano presenti ed erano garantite da persone che per fare questo erano invogliate dalla più preziosa paga, superiore a quella economica: far parte della società impegnandosi per essa. 

La società impegnata si crea tramite vie di comunicazione tra le persone, vie sicuramente meno visibili di quelle riparate con "l'asfalto elettorale" ma notevolmente più importanti, soprattutto perché le prime erano presenti e sono state distrutte, mentre le seconde sono state lasciate nell'incuria per essere riparate soltanto poco prima delle elezioni.

Gruppo Macomer Rinasce

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK