Danni causati dal maltempo, Gianfranco Congiu alla Commissione Bilancio e Agricoltura: "si coinvolga subito il mondo bancario per misure ah hoc"

| di a cura della Redazione
| Categoria: Politica
STAMPA

 

È necessario e urgente mettere in campo azioni concrete perché le aziende agricole del Marghine colpite possano riprendersi dai danni causati dalla eccezionale ondata di maltempo”: così scrive il Consigliere Regionale Gianfranco Congiu dopo aver visitato le aziende di Sindia e Borore colpite dall'eccezionale perturbazione che si è abbattuta sul Marghine.

Congiu questa mattina ha depositato una richiesta urgente presso la terza Commissione permanente Bilancio e Agricoltura, della quale è componente, affinché si chiami a raccolta il mondo bancario operante in Sardegna per elaborare, di concerto con la Regione Sardegna, una strategia d'intervento per favorire la ripresa delle aziende che hanno subito gravi danni.

Di seguito, la richiesta presentata ai presidenti di Commissione:

Egregi presidenti,
quale componente e segretario della 3^ commissione permanente vi chiedo, con la presente, la convocazione urgente – in seduta congiunta – delle commissioni in oggetto per discutere la seguente iniziativa: sollecitazione e interpello al sistema bancario operante in Sardegna per l’attivazione di tutte le misure finanziarie atte a consentire alle imprese agricole colpite dalla recente ondata di maltempo ed in particolare quelle ubicate in agro di Sindia e nel Marghine, di riattivare il ciclo produttivo.
Ho potuto constatare di persona recandomi presso alcune aziende agricole tra quelle maggiormente colpite, della entità dei danni che dette imprese hanno subito: fienili scoperchiati, case coloniche e depositi attrezzi rasi al suolo, boschi di sughere completamente decimati, scorte di foraggio compromesse, macchine agricole (trattori e furgoni) rese inservibili o seriamente danneggiate dalla furia devastatrice di quello che tutti gli allevatori hanno definito come un vero e proprio tornado di proporzioni finora sconosciute.
Non solo, due giorni fa una coda di maltempo sempre nelle campagne di Sindia e Pozzomaggione, ha proseguito l’opera di devastazione colpendo altre aziende, alcune avviate di recente da parte di alcuni giovani del territorio.
E pare, stando alle previsioni, che vi sarà una recrudescenza in questo fine settimana.
È difficile rendere il senso dello sconforto che si avverte parlando con chi vive e lavora nelle campagne anche se è comunque assolutamente preponderante il sentimento di riscatto e la voglia di risollevarsi da una situazione assai complicata.
Tutti gli imprenditori agricoli si stanno adoperando con i loro mezzi per mettere in sicurezza ciò che rimane, ma lo sforzo finanziario necessario per ricostituire i fattori produttivi aziendali compromessi non sarà agevole ne accessibile in temi rapidi.
Ciò premesso,
Vi chiedo che vengano convocate con assoluta urgenza e priorità le commissioni da voi presiedute perché si verifichino e si definiscano con il sistema bancario operante in Sardegna tutte le misure finanziare consentite (sospensione dei mutui, attivazione di prestiti e/o di misure finanziarie equipollenti senza interessi per i beneficiari) per consentire alle aziende agricole danneggiate di riavviare immediatamente il ciclo produttivo attualmente interrotto.

a cura della Redazione

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK