Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Silanus. La Minoranza denuncia le difficoltà per accedere agli atti: "siamo costretti a fare i salti mortali"

Intervento integrale del gruppo di Minoranza consiliare LiberaMente

| di Gruppo consiliare LiberaMente
| Categoria: Politica | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Anche quando tutto è o pare perduto, bisogna rimettersi tranquillamente all'opera, ricominciando dall'inizio"

È una celebre frase di Antonio Gramsci che in questo momento sintetizza i sentimenti di chi come i sottoscritti consiglieri di minoranza debbono sopportare per svolgere al meglio il proprio dovere.

Intanto intendiamoci il Consiglio Comunale, una volta composto dopo le elezioni, è formato da una maggioranza che gestisce con l'esecutivo le scelte migliori (o almeno così dovrebbe essere) per la comunità e di una minoranza che, non essendo coinvolta nelle scelte, deve controllare che i danari pubblici non vengano sprecati.

Inutile dire che se le scelte fossero assunte da parte di tutto il Consiglio Comunale sarebbe un aspetto non solo positivo ma porterebbe a scegliere in modo più consapevole.

Purtroppo però i consiglieri della minoranza per l'ottenimento dei documenti, per l'espletamento del mandato sia chiaro, devono sudare le proverbiali “sette camice” perché una volta gli atti non ci sono, un’altra volta sono in un ufficio chiuso perché la responsabile è in ferie , un’altra volta la richiesta non è protocollata!!!??? (sic!) e così via con mille e una motivazione “inventata”.

Nel contesto dell'attuale governo della nostra comunità la maggioranza interpreta una parte "siamo maggioranza e quindi contro la minoranza” (il gioco delle parti di pirandelliana memoria) pertanto si cerca l'inverosimile per rendere una cosa semplicissima complicatissima. Esempio: la minoranza chiede di vedere lo stato delle aule della scuola pubblica: “chi siete voi per chiedere di poter visionare lo stato delle aule”??? Non potete, mica siete parlamentari... Dovete chiedere l'autorizzazione al dirigente ecc.ecc.

Chiediamo al Dirigente, otteniamo una risposta per metà, ma di questo avremo modo di parlarne; altro esempio: ordine del giorno per esprimere la solidarietà e/o ordine del giorno contro il riavvio e potenziamento dell'inceneritore? Prima occorre eseguire l'analisi logica (manco fossimo all'accademia della Crusca), e quindi, se non è tutto a posto perché magari un avverbio non piace si rigetta tutto... APPARENZA IN LUOGO DELLA SOSTANZA.

È complicatissimo anche solo cercare di portare avanti un ragionamento che attiene al buon senso... Siamo tutti appartenenti a questa comunità; il ruolo principale di un Consiglio Comunale è quello di essere inclusivo non divisivo, è quello di cercare di esercitare la democrazia partecipata, per fare questo, è appena il caso di sottolineare, serve cercare fino all'esasperazione il coinvolgimento di tutti in primis della minoranza che rappresenta comunque una parte di cittadini, non è corretto sentirsi dire, come da ultimo, che la richiesta di atti è un'azione contro l'attività degli uffici!

Un esempio molto eclatante, il più recente, che merita di essere analizzato, riguarda dei verbali di segnalazione fatti pervenire al Comune di Silanus dal Corpo Forestale di Bolotana per segnalare delle discariche abusive presenti in territorio silanese.

Abbiamo fatto richiesta protocollata il 17 ottobre 2018 di poter avere a disposizione questi verbali, ma l'Ufficio Tecnico prima e l'Ufficio della segreteria dopo ci comunicano che non sono presenti questi documenti. Alché facciamo una ulteriore richiesta, in data 15 novembre 2018, per avere il numero di protocollo dei verbali in questione poiché siamo certi che questi sono presenti negli uffici comunali, nonostante ci sia stato detto più e più volte che non ci sono.

Il 30 novembre alle 13.00 circa ci sono stati consegnati, ma non tutti, solo uno su due, con data 07-06-2017, d'altronde non c'è stato il tempo per prepararli né dalla data richiesta e né dal sollecito odierno delle 11:00. L’altro se ne parlerà lunedì, forse. Non è modo di lavorare. Più un progettino, non richiesto, di bonifica di diversi siti datato 07-11-2018. Beh almeno a qualcosa sono servite le nostre lecite richieste. Come mai tutto questo temporeggiare? Tutta questa resistenza nei nostri confronti? Dal momento che gli stessi verbali di segnalazione sono ed erano presenti già dal 17 ottobre?

 Per non parlare dei salti mortali per ottenere gli atti inerenti il P.I.P.2.

Non tutto è perduto??? Non si sa, è defaticante cercare di portare all’attenzione anche delle proposte fattive per l'atteggiamento ostile e denigratorio messo in atto, aggiungiamo a questo che la minoranza può esprimersi solo in Consiglio Comunale e che la competenza di quest'ultimo è molto ridotta rispetto a “su connottu” che non serve aggiungere altro.

Continueremo a denunciare questa situazione anomala tutta silanese che si è creata in attesa di tempi maturi per poter ragionare serenamente superando le divisioni che pure vi sono. Da parte nostra vi è tutto l'intendimento di collaborare ma è tempo che la maggioranza dia un esempio positivo creando inclusività in modo che si possa operare una crescita insieme ai cittadini con un'amministrazione trasparente in cui tutti possano esprimere le proprie idee, senza dover chiudersi nelle segrete stanze e pianificare strategie e quant'altro. Sarebbe una bella conquista, molto di più dell'ottenimento di questo o quel finanziamento (pure importante) per questa o quella opera pubblica. E' necessario e urgente oggi più che mai che Silanus si riaggreghi dal punto di vista sociale, consentirà questo, anche se apparirà strano, attingere idee e progetti per una vita più serena.

Abbiamo proposto in questi anni argomenti importanti per la vita del singolo: una politica fiscale inserita nel contesto abitativo delle varie zone urbanistiche che portino i cittadini a curare il verde, l'ambiente in cambio per esempio di uno sconto nelle tasse comunali, molti comuni lo fanno, Alghero ad esempio riduce le tasse ai cittadini che curano il verde confinante con le abitazioni private.

Il Comune di Villanovaforru, Sindaco illuminato ha chiesto alla minoranza di predisporre un piano, indicando le priorità, delle necessità più disparate provenienti dai cittadini rappresentati dalla minoranza stessa e nell'arco del mandato le ha concretizzate, è stato rieletto altre tre volte perchè ancora prima delle opere pubbliche, nonostante la realizzazione ricordiamo che Villanovaforru ha un museo di tutto rispetto che veicola diverse migliaia di persone annualmente, hanno scelto la priorità del benessere e della serenità dei concittadini senza operare divisioni.

 

 

Gruppo consiliare LiberaMente

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK