Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Sa Sardigna a Passu de Fèmina: Limba, Sabidorias, Istòria, Cultura, Artesania

| di Ufìtziu Limba Sarda
| Categoria: Territorio | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fèminas de Giudu. Limba, Sabidorias, Istòria, Cultura, Artesania. Sa Sardigna a Passu de Fèmina.

Un progetu ideadu dae sa dut.ra Daniela Masia, responsàbile de s’ULS-Ufìtziu Limba Sarda de sas comunas de Bìroro, Macumerr, Golothene,Borore, Bortigale (subracomunale,comuna capulfila Sindia - annualidade 2011; e coordinadu dae s’Istitutu de istùdios e chircas “Camillo Bellieni” deTàtari).

S’ischire nàrrere cussu chi s’Ischit e fàghere cussu chi si Narat– pro Ischre su chi ognunu EST!

Est a nàrrere pràticas de giudu pro sensibilizare a s’impreu fitianu de su sardu.

Custau unu suntu. “Su fine, sa punna, sa mira, de custu, est a fundu de cussa sabidorias cuidadosas chi podent costoire su coro profundu de una tziviltade a intro de cussas fainas praticadas chi ogni limba amparat. Sa limba sarda veìcula sas sabidorias e nd’afortigat sa cùmpetèntzia lessicale e mai cantos àmbitos semànticos torrende.los avalorados in su significudu e in s’importàntzia issoro a sa comunidade. Sa Limba e sos registros suos prus importantes sunt mustrados in sa forma ortogràfica e grammaticale, a sa balia de limba in sa formatzione, a sa richesa lessicale sua, a sas espressadas suas che a s’arte a artesania. Espressadas chi nos permitint de cumprendere su sentidu e de lu torrare afortigadas a sas comunidades comente contributu pro pòdere costruire un in cras, unu benidore, prus fortza e atinamentu annoados pro more de sa richesa e sa bellesa de s’identidade linguìstica manna pro more de sas variedades locale e lessicales chi faghent sa Limba maistra, esempru pro su bìvere e pro sa vida. Punna chi intrat a pare a totu cusu arresonu est su de nche bogare sa Limba sarda da cale si siat marcu e pregiuditziu pro la fàghere èssere limba moderna paris a sas àteras limbas de sa modernidade, possibilidade de su bilinguismu de s’incumbatare e iscumproare chi tenet un significadu pru mannu si benit torradu a unu cuntestu cumpridu de sa vida fiatiana”

Sas amministratzione chi ant dadu sa disponibilidade l’ant fatu cun praghere e consièntzia de s’importàntzia de sa promotzione de sa Limba e finas cun sa curiosidade pro custas fainas chi aunit sas comunidades in contos ed esperièntzias che ant à èssere contadas... a passu de fèmina. Proite unu temaa comente Fèminas de Giudu? Iscoberride.lu sighende sa dies ammaniadas in su Marghine dae su 5 a su 27 de nadale 2015. Bìroò 6 de nadale, Borore 7 de nadale, Bortigale 8 de nadale, golothene 27 de nadale.

Si comintzat su 6 de nadale in a sas 17.30 in su Tzentru Sotziale sa dies at a èssere dedicada a Fèminas cun Limba Sarda ~ in Poesia. Ocasione importante meda pro sa presentatzione de una chirca pretziosa a incuru de Miguel Lòpez Coira e Daniela Zizi subra sa cumparatzione de sa sarda improvisada e cussa ispagnola e de sos paisos de s’America latica americani.

 

Sa poesia improvisada comente fenòmenu de identidade culturale. S’arte de sa poesia orale improvisada esistit in medas paisos e culturas cun una variedade de formas, cunforma a su cuntestu e a sos contenutos .

Pro su chi pertocat sa Sardigna, podimus nàrrere chi sa custa forma de poesia est ùnica pro more de sa Limba. Sa Limba sarda ” Daniela Zizi.

 

Programma

Aberit

Av.da Silvia Cadeddu

Presentat su progetu e introduit

Daniela Masia responsabile ULS. Ufìtziu Limba Sarda

Intervenint

Miguel López Coira, dotzente de Antropologia Sotziale in s’Universidad Complutense di Madrid e

Daniela Zizi, dotzente de Limba e Tradutzione Ispagnola in sa Facultade de istùdios Umanìsticos de s’Universidade de Casteddu

Sa poesia improvvisata come fenomeno di identità culturale

Michele Pinna Diretore Iscientìficu

De s’Is.Be Istitutu de istùdios e chircas “Camillo Bellieni” de Tàtari

Sa poesia a Taulinu e sa poesia a Bolu;

Sos poetas improvisadores

 

Un progetto ideato dalla dott.ressa Daniela Masia, responsabile dell’ufficio di lingua sarda del comune di Birori, Macomer, Bolotana, Borore, Bortigali(sovracomunale comune capolfila Sindia - annualità 2011; e coordinato dall’Istituto di studi e ricerche “Camillo Bellieni” di Sassari). “L’intento di questo progetto - sta nella sensibilizzazione all’uso del sardo in ogni espressione della vita quotidiana e in quelle sapienze operose che custodiscono il cuore di una civiltà dentro le sue pratiche di vita essenziali che tutte racchiude la lingua. La lingua e i suoi registri più importanti sono così declinati dalla sua forma ortografica e grammaticale, alla sua valenza di lingua della formazione e dell’istruzione, alla sua ricchezza lessicale, alla sua specialità espressiva tutte legate alle forme d’arte e alle opere artigiane. Espressioni che ci consenteno di comprenderne il loro senso profondo e di restituirlo con un nuovo vigore alle comunità urbane ed extraurbane come contributo alla costruzione de un in cras, unu benidore, un futuro prossimo più forte e consapevole che si rigenera grazie alla ricchezza e bellezza della sua identità linguistica caratterizzata dalla varietà lessicali che rendono una lingua vera maestra di vita.Obiettivo trarsversale è sdoganere la lingua sarda da ogni deleterio stigma per renderla lingua moderna insieme alle lingua moderne, esperienza di un bilinguismo possibile se reinserito in un constesto completo non avulso o distante dai registri del parlare quotidiano.”

Grande la dimostrazione di volontà e sensibilità delle amministrazioni comunali coinvolte che hanno accolto con curiosità e interesse questa esplorazione della promozione e sensibilizzazione della Limba Sarda che unisce tante comunità con tante belle esperienze pronte ad essere raccontante a passu de fèmina. Perchè un tema come Fèminas de giudu? Scorpitelo segue le tappe attraverseranno il Marghine dal 5 al 27 dicembre 2015. Birori 6 dicembre, Borore 7 dicembre, Bortigali 8 dicembre, Bolotana 27 dicembre.

 

Il primo comune ad inaugurare questa serie di incontri è il comune di Birori, che domenica 6 dicembre alle ore 17.30 presso il centro socio culturale di Birori ospiterà il tema di Fèminas con Lingua Sarda ~ in Poesia. Occasione importante per la presentazione di una preziosa ricerca a cura di Miguel Lòpez Coira e Daniela Zizi sulla comparazione della poesia sarda improvvisata con quelle spagnola e dei paesi latino americani. “La poesia improvvisata come fenomeno di identità culturale

L’arte della poesia orale improvvisata esiste in numerosi paesi e culture con una gamma diversificata rispetto alle forme, ai contesti e ai contenuti.

Per quanto riguarda la Sardegna, possiamo affermare che la gara poetica è unica, e lo è per la sua specificità e per la sua lingua: la lingua sarda.” Daniela Zizi

 Di seguito il programma

  • Saluti e introduzione a cura del sindaco avv.to Silvia Cadeddu

  • Presentazione del progetto e moderazione a cura dell’ ufficio lingua sarda di Birori- Daniela Masia

  • Presentazione ricerca: La poesia improvvisata come fenomeno di identità culturale a cura di Miguel López Coira, docente di Antropologia Sociale presso la Universidad Complutense di Madrid (Spagna) e di Daniela Zizi, docente di Lingua e Traduzione Spagnola presso la Facoltà di Studi Umanistici dell’Università di Cagliari.

  • I poeti improvvisatori

Ufìtziu Limba Sarda

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK