Partecipa a IlMarghine.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Borore. AMMINISTRATIVE 2015. SEL e Partito dei Sardi: "progetto canapa", centro di volo e nuove vie di sviluppo con Tore Ghisu Sindaco

Condividi su:

BORORE. Riceviamo e pubblichiamo la nota appena giunta in redazione a firma di Sinistra Ecologia Libertà e Partito dei Sardi di Borore che attesta il posizionamento dei due gruppi politici al fianco del Sindaco Tore Ghisu per le prossime Elezioni Amministrative.. 

Nella giornata di ieri, il comunicato da noi pubblicato a firma del Segretario del Circolo PD di Borore aveva aperto un botta e risposta tra le parti in causa. 

"Da mesi abbiamo intrapreso - in vista delle elezioni amministrative di Borore - un lavoro unitario, che origina da due considerazioni principali: prima fra tutte la necessità di una risposta il più possibile corale alla lacerante crisi che ha colpito il territorio (e che oggi rischia di precipitare con l'esaurirsi degli ammortizzatori sociali), in secondo luogo la presa d'atto dei risultati positivi del mandato amministrativo appena trascorso.

Con il sindaco Ghisu abbiamo perciò iniziato un ragionamento e un percorso che ci ha portato non solo a chiedere la sua ricandidatura ma a condividere nuove proposte - a nostro avviso importanti per la nostra comunità ed il territorio - come il "progetto canapa" e il centro di volo per aerei ultraleggeri, la valorizzazione dell'associazionismo culturale e la ricerca di nuove vie di sviluppo ed opportunità di lavoro.

Di fronte a questo sforzo di maturità ed unità, che ha visto protagonista Sel, Partito dei Sardi, amministratori del Pd e soprattutto diversi liberi cittadini, il comunicato del segretario locale del Pd appare più simile a un patetico tentativo di modificare la realtà, che alla necessaria responsabilità di cui dovrebbe farsi carico quella che sarebbe la prima forza politica del paese.

Ne prendiamo atto ed andiamo avanti, convinti che non sarà la prepotenza ma le buone pratiche e la buona politica a porre le basi per una possibile rinascita di Borore e del Marghine, ma ciò che a noi pare evidente è che questa contorsione del segretario del Pd ricorda molte lo strillo disperato di chi ha perso il treno giusto ed ora è rimasto da solo".
 

Condividi su:

Seguici su Facebook