Partecipa a IlMarghine.net

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Anche Geppi Cucciari "scende in campo" per il Costantino. Il video della serata, tra “Ballu Tundu” e Teatro

Condividi su:

MACOMER. “Su Ballu Tundu” è stato il protagonista, nella serata di ieri, del CineMob organizzato dalle Associazioni Culturali di Macomer per portare in piazza la solidarietà e per manifestare il sostegno della città nei confronti della famiglia Barria, proprietaria dello storico Cineteatro Costantino, che rischia la chiusura definitiva a causa di una tassazione divenuta insostenibile.

Bambini, giovani e meno giovani si sono presi per mano nella piazza antistante il Teatro ed hanno ballato la danza della tradizione: un modo gioioso per dimostrare, con la propria presenza, il legame con un luogo che, nei lunghissimi anni di attività, ha reso lustro al comune di Macomer, consentendo ad un intero territorio di poter godere del Grande Teatro.

Presenti in piazza anche i rappresentanti dell'Amministrazione Comunale ( l'Assessore Congiu, le Assessore Ledda e Atzori) così come i rappresentanti delle opposizioni.

Poco dopo, sul palco del Costantino è andato in scena l'ultimo spettacolo della Stagione Teatrale: protagonisti Antonio Carnacchione e Lucia Vasini, con “L'HO FATTO PER IL MIO PAESE", commedia brillante e divertente che affronta il senso di smarrimento di un lavoratore comune travolto, suo malgrado, dalle conseguenze di una Riforma del Lavoro superficiale ed approssimativa.

Qualche problema tecnico ha reso ancora più esilarante la messa in scena, con il sipario che non voleva aprirsi al pubblico ed una serie di inconvenienti sul palco.

A fine spettacolo, la sorpresa per il pubblico: Geppi Cucciari, presente in sala, ha voluto esprimere la sua vicinanza alla proprietà ed il suo legame profondo col Costantino.

Nel nostro video che segue, l'intervista all'artista e le immagini della serata. 

Condividi su:

Seguici su Facebook