Partecipa a IlMarghine.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Tariffe Idriche a Tossilo: Egas convoca il Comitato, l'Assessora a favore del rinvio

Condividi su:

 

MACOMER. Sul caso delle nuove tariffe idriche per la zona industriale di Tossilo e Bonu Trau , legate al passaggio di gestione dal Consorzio Industriale di Macomer al gestore unico Abbanoa, sembrerebbero esserci tutti i presupposti per un rinvio dei tempi di applicazione.

Nella serata di ieri il presidente dell'Egas, l'Eente di Governo d'Ambito della Sardegna, ha infatti convocato per il prossimo Giovedì 31 Maggio il CIA, Comitato Istituzionale d'Ambito.

All'ordine del giorno vi sarà sia la richiesta, avanzata ufficialmente dalla consigliera regionale Daniela Forma e dal sindaco di Macomer Antonio Onorato Succu, di far slittare l'entrata in vigore delle nuova tariffazione per un tempo congruo, in modo da poter valutare ed evitare le possibili ripercussioni negative dell'operazione e dare il tempo agli operatori di eseguire le procedure.

Sul tavolo anche il costo della voltura delle utenze, addebitato ad oggi alle imprese insediate a Macomer e che, anche secondo quanto dichiarato da Abbanoa nei giorni scorsi, potrebbe non essere dovuto.

Alla riunione parteciperà anche l'Assessore Regionale ai Lavori Pubblici Balzarini e il Sindaco del Comune di Macomer Succu.

Quest'ultimo, esprimendo soddisfazione per la convocazione in tempi brevi del comitato, ha ribadito che porterà in quella sede anche la proposta, dal rilievo squisitamente politico, di inserire una clausola che consenta di legare alla possibile riduzione dei costi da riconoscere alle aziende dell'agroalimentare che operano a Tossilo – di cui si discuterà durante l'incontro - un beneficio che abbia una ricaduta economica anche per gli altri attori della filiera, in particolare per gli allevatori.

«Il latte è il nostro oro – sottolinea Antonio Succu – e il settore dell'agroalimentare è quello trainante per la nostra economia. Dobbiamo difenderlo ed agevolarlo, ma ricordando che la filiera non è composta solo dagli industriali, ma anche dai produttori».

Nel frattempo, ad intervenire nel merito della vicenda che, seppur ridimensionata numericamente rispetto al quadro iniziale (come abbiamo già raccontato) pone comunque un problema di aumento dei costi per alcune grandi imprese insediate a Macomer, è stata anche l'Assessora Regionale all'Industria Maria Grazia Piras: facendo una valutazione delle difficoltà riscontrate nel caso specifico, l'Assessora ha espresso parere favorevole per un rinvio dell'applicazione delle tariffe, proponendo uno slittamento che sposterebbe l'entrata in vigore della tariffazione Abbanoa dal 1° Giugno al 1° Novembre.

Maria Grazia Piras ha aperto anche alla possibilità di ripristinare nell'area la rete idrica industriale, in modo tale da creare le condizioni che consentano ad alcune attività industriali (per esempio gli autolavaggi) di utilizzare l'acqua non potabile e di risparmiare sui costi complessivi.

Condividi su:

Seguici su Facebook