Partecipa a IlMarghine.net

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Un Giudice a Oristano

di Carlo Piana, Movimento 5 Stelle di Macomer

Condividi su:

 

Movimento 5Stelle Macomer

Abbiamo un Giudice a Oristano 

Quello che è avvenuto il 15 Febbraio con il sequestro del cantiere del nuovo inceneritore di Tossilo è complicato da spiegare 

In questa vicenda ci sono  procedure irregolari e una gigantesca valanga di bugie.

Un  disegno di alcuni furbi che vogliono coprire tutto.

Se come sostiene la Procura invece ci sono irregolarità nella procedura di Valutazione di Impatto Ambientale la questione assume un altro significato.

In tanti abbiamo sostenuto che prima di procedere ad autorizzare la costruzione di un nuovo inceneritore occorreva verificare la salute delle persone che ci avevano vissuto vicino per venti anni, per questo si fanno studi epidemiologici.

Quando si costruisce un “impianto insalubre di prima classe” cioè tossico, queste verifiche sono l’ovvia applicazione di un “principio di precauzione” (art. 191 del trattato sul funzionamento dell' Unione europea ) 

Il Servizio valutazioni ambientali della Regione che ha gestito la procedura ha ritenuto che potessero bastare i dati forniti dalla Asl di Nuoro.

Secondo l'Ufficio Ambientale della Provincia di Nuoro l’Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata dal loro ufficio INVECE non era sufficiente per autorizzare il nuovo impianto e i dati della Asl sul registro tumori erano vecchi e incompleti.

Per un Procuratore della Repubblica le cose non vanno affatto bene e se ha ragione lui, e quindi indirettamente, tutti coloro che in questi anni hanno continuato inascoltati a chiedere il rispetto della legge, questo significa che quella gara è irregolare ed il nuovo inceneritore non si poteva costruire.

Ecco perché si ferma il cantiere e si mandano gli avvisi di garanzia.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook