Partecipa a IlMarghine.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Alcuni suggerimenti per diventare un bravo cameriere

Di seguito si propongono alcuni utili consigli per cominciare una nuova esperienza lavorativa nel campo della ristorazione e diventare un cameriere di successo.

Condividi su:

Lavorare come cameriere può essere un’opportunità per guadagnare qualche soldo durante gli studi, ma anche per intraprendere una carriera nell’ambito della ristorazione. Per iniziare, è bene ricordare che si tratta di una professione impegnativa che richiede passione e dedizione, ma allo stesso tempo molto gratificante.

Chi fosse interessato a trovare le migliori offerte di lavoro per cameriere può consultare gli annunci pubblicati su camerieri.it, sito interamente dedicato al mondo dell’Ho.Re.Ca. sviluppato dall’agenzia per il lavoro Jobtech. La piattaforma funge da luogo di incontro virtuale tra i professionisti e le aziende attive nel campo della ristorazione e dell’hospitality.  

La community di camerieri.it conta infatti migliaia di profili di candidati competenti e perfettamente corrispondenti alle esigenze del settore.

Ecco, dunque, qualche utile consiglio per chi desidera diventare un bravo cameriere e iniziare a lavorare tra i tavoli dei ristoranti, dei bar e delle pizzerie che ricercano nuovo personale.

Prima di tutto, per svolgere al meglio la professione è necessario essere in grado di organizzare in maniera strategica e precisa il lavoro. La cosa peggiore che potrebbe capitare, specialmente quando si è alle prime esperienze, è quella di dimenticarsi un tavolo o una comanda. Meglio allora portare sempre con sé un blocco note dove appuntare le ordinazioni, creare un elenco dei tavoli e cancellarli via via che gli ospiti lasciano la sala.

In secondo luogo, è altrettanto importante che ogni cameriere sia informato sul menu e sui piatti che andrà a servire. Immaginiamoci l’imbarazzo che si creerebbe con un cliente che, rivolgendosi al cameriere per chiedere informazioni in merito a una portata, ricevesse una risposta confusa o incompleta. Sapere bene quali sono gli ingredienti di un piatto consente inoltre di fare un passo avanti nel servizio, indicando agli ospiti anche i possibili abbinamenti tra le pietanze e le bevande.

Nel caso invece in cui si commettano degli errori, il consiglio è sempre quello di gestirli con compostezza e educazione. La cosa migliore è mantenere in ogni momento un atteggiamento proattivo, proponendo una soluzione all’errore che si traduca in un beneficio per il cliente.

Per finire, un suggerimento davvero essenziale è quello di continuare a imparare e apprendere, partecipando a corsi di formazione che consentono di apprendere nuove tecniche e conoscenze utili in un’ottica di crescita professionale.

Condividi su:

Seguici su Facebook