Partecipa a IlMarghine.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Borore. AMMINISTRATIVE 2015. La risposta degli amministratori PD alla nota del Segretario del Circolo: “ricostruzione dei fatti delirante”

Condividi su:

BORORE. Si scaldano i motori per la campagna elettorale per il rinnovo dell'Amministrazione di Borore.
Dopo la nota di Valerio Tola, Segretario  del Circolo PD Borore, ricevuta e pubblicata in mattinata (leggi), arriva la risposta del gruppo consiliare degli amministratori del PD, che pubblichiamo integralmente di seguito: 


"Leggiamo sui giornali la delirante ricostruzione dei fatti inviata dal segretario, di quel che resta, del Circolo del Partito Democratico di Borore, in cui senza apparente vergogna, viene fornita una descrizione della vicenda completamente falsa e distorta rispetto a quanto realmente accaduto.
Era, da tempo, nota a tutti la volontà, espressa anche pubblicamente dagli amministratori uscenti, di dar vita ad una nuova lista inclusiva delle diverse sensibilità politiche, delle competenze professionali, delle nuove generazioni, che fosse il più ampiamente rappresentativa dell'intera comunità bororese.

Durante questo periodo, tanti cittadini hanno espresso la volontà di rinnovare la fiducia agli amministratori uscenti e forti richieste sono arrivate a sostegno della ricandidatura del Sindaco da diverse sensibilità politiche del paese ma anche da esponenti dello stesso PD di Borore .
Tutto ciò perché a loro si riconosceva il grande lavoro, l'impegno e i risultati concreti, sotto gli occhi di tutti,  ottenuti in questi anni in cui amministrare, anche e soprattutto a livello locale, è veramente molto difficile.
Proprio per  questo  sono state aperte interlocuzioni con tutti quanti erano e sono interessati a un progetto serio e condiviso che ha come obiettivo lo sviluppo del paese e non le mire personali. 

A questo percorso ha partecipato anche quella parte del PD locale che non si riconosce nella gestione dell’attuale segretario, o chi per lui, che da una parte esce sulla stampa con proclamati tentativi di unitarietà, mentre dall’altra continua a lavorare ad un progetto alternativo che si autoesclude e vuole escludere  il gruppo consiliare degli amministratori comunali del PD di Borore.

Tutti a Borore sapevano della volontà, di una parte del Circolo PD, espressa a più riprese,  in diverse forme e modi, di “sfiduciare” l’esperienza amministrativa del Sindaco e dell’attuale Amministrazione Comunale e, allo stesso tempo, del sotterraneo ma evidente lavoro di costruzione di un progetto “alternativo”. 
Il fantomatico tentativo di conciliazione “rispedito al mittente”, di cui si legge nella nota dell’attuale segretario del Circolo PD, è totalmente paradossale.
E tutti sanno che, parallelamente a questo progetto alternativo, era in corso una gestione del Circolo PD, che ha prodotto una serie di esclusioni e “allontanamenti”, che lo ha ridotto ad una dimensione da “conduzione pressoché familiare”.

Infatti anche il documento inviato alla stampa, che vorrebbe parlare a nome di tutto il Circolo PD di Borore, in realtà non era conosciuto da tutti gli iscritti e, peraltro, da alcuni non è neanche condiviso.

Vogliamo infine rassicurare tutti, anche chi scrive a nome del circolo del PD, che non devono preoccuparsi più di tanto perché, qualora gli elettori ci dovessero premiare con il voto daremo sempre il massimo per assicurare, tutti insieme, una buona amministrazione del nostro paese, così  come è stato fatto in questi anni". 

Condividi su:

Seguici su Facebook