A Macomer la due giorni della Mostra degli Ovini e della Fiera Regionale del Formaggio: ecco il programma completo

| di Giulia Serra
| Categoria: Informazione Aziendale
STAMPA

 

MACOMER. Un programma ricchissimo per una due giorni che si preannuncia come un appuntamento imperdibile per un intero comparto: è la Mostra Interprovinciale degli Ovini di Macomer, che quest'anno si sposa con la Prima Fiera Regionale del Formaggio. Un sodalizio quasi naturale, che nasce dalla volontà di dare un'impronta di filiera ad un settore vitale che ha le sue radici nel mondo agropastorale e che, con l'agroalimentare ed il mercato di qualità, chiude il cerchio di un'economia trainante per l'intero territorio.

La Mostra, che si terrà presso i padiglioni del Monte di Sant'Antonio, aprirà i battenti Sabato 12 Maggio alle ore 9.

L'inaugurazione ufficiale si terrà invece alle ore 10.30 alla presenza del Sindaco di Macomer Antonio Onorato Succu e dell'Assessora alla Attività Produttive Rossana Ledda.

Si parte dall'esposizione del Padiglione della Biodiversità: oltre gli ovini, che sono ovviamente i grandi protagonisti della manifestazione, ci saranno anche i bovini da carne di razza Sarda-Modicana, l'immancabile Pecora Nera di Arbus, l'asinello bianco dell'Asinara, il cavallino della Giara del Sarcidano e, per la 1^ volta, l'esposizione dei maiali di razza sarda curata dalle APA e dall'Agenzia Agris.

All'interno della due giorni macomerese, oltre alla sezione convegnistica sui temi specifici, si svolgeranno una serie di attività collaterali: tra queste, particolare rilievo hanno quelle rivolte alle scuole.

I bambini sono infatti i protagonisti del concorso “Contos de Casu: le avventure di Gino Forma e Prof. Rino Pec” e saranno premiati nel corso dell'evento, ma saranno anche impegnati nella preparazione della ricotta e de su casizolu nel laboratorio di manualità a loro dedicato così come in quello “ricicla in arte, un tappeto di storia”.

La Prima Fiera Regionale del Formaggio, abbinata da quest'anno alla Mostra degli Ovini, porta in dono il 1° Concorso per il Miglior Affinamento di Formaggio “il Gusto è Gusto”. Organizzato dal Comune di Macomer, dal Consorzio Pecorino Romano DOP e dal Ristorante HUB - Macomer chef Leonardo Marongiu, propone la degustazioni e gli assaggi “animati” da Renato Brancaleoni, maestro affinatore di formaggi e grande esperto del settore.

La Giuria sarà composta dallo chef Leonardo Marongiu del ristorante HUB, vincitore di “isole del Gusto 2017”, dalla chef Elia Saba, Presidente dell'Unione regionale Cuochi, da Giovanni Fancello, gastronomo, storico della cucina e degustatore Onaf e dallo chef Stefano Deidda, 1 stella Michelin con il ristorante il Corsaro di Cagliari.

Gusto ed innovazione, ma anche tradizione ed identità, con il Conosrso Gastronomico “Nonno Chef”, che vedrà i nonni Auser sfidarsi nella preparazione della miglior ricetta tradizionale della carne di pecora,agnello e formaggi.

Domenica 13 Maggio saranno invece i ristoratori del territorio a proporre le loro ricette a base di carne di alta qualità di Agnello rigorosamente IGP per il buffet a tema: “l’agnello IGP dall’antipasto al secondo”, organizzato da Comune di Macomer, da Ascom Confcommercio Nuoro-Ogliatra e dal Consorzio IGP Agnello di Sardegna.

Assolutamente da non perdere è la mostra “TRAMA’ndare. Trame di vita in Sardegna”, curata dalla Pro Loco di Macomer e dalla Cooperativa Esedra: si tratta di un progetto didattico-espositivo per la valorizzazione laniera, che punta ad esaltare gli aspetti tradizionali e il valore aggiunto. Gli oggetti esposti sono legati alla tradizione del Museo Etnografico delle Arti Antiche di Macomer.

Per la gioia dei più piccoli, durante la manifestazione si potranno fare delle piacevoli passeggiate in pony grazie all'Associazione Cavalieri di Macomer.

                                                                                                   I Convegni

La parte convegnistica muoverà i passi dall'appuntamento inaugurale di Sabato organizzato dall'ARAS “D.O.P. e  I.G.P: Modello di Sviluppo per il Territorio”, al quale interverranno il presidente del Consorzio di Tutela Pecorino Romano DOP Salvatore Palitta e il direttore del Consorzio IGP Agnello di Sardegna Alessandro Mazzette. A moderare l'incontro sarà invece il Presidente A.R.A. Sardegna Vitangelo Tizzano e al chiudere i lavori sarà l'Assessore Regionale all’Agricoltura Pierluigi Caria.

Nel pomeriggio di Sabato spazio alla cultura del coltello grazie all'organizzazione dell'associazione culturale Coro Melchiorre Murenu di Macomer, con il convegno “Il Coltello: nascita, evoluzione, applicazione e uso quotidiano”. Il relatore è Carmelo Piras, studioso e ricercatore di archeologia Sperimentale.

Ancora, a seguire, il convegno Ascolta e degusta: il formaggio risorsa di IERI, OGGI e DOMANI. A moderare l'incontro sarà la Vicesindaca ed Assessora Rossana Ledda.

Nel dettaglio, il tema sarà sviscerato in 3 diverse sezioni:

- IERI -  Gianni Mura, ingegnere di urbanista, tratterà il tema “Archeologia industriale, le prime industrie casearie nascono a Macomer”; Antonio Ledda, del ex dipendente caseificio Albano, racconterà la sua esperienza diretta.

- OGGI - Anna Mura del Biocaseus minicaseificio: artigiana del formaggio di qualità; Padre Salvatore Morittu racconterà l'esperienza della Comunità S'aspru: il ritorno alla terra e la produzione del  formaggio tra emozioni, dignità  e riabilitazione.

- DOMANI - Antonio Pirisi, tecnico Agris, tratterà il tema dell'evoluzione e della tecnologia nella produzione del formaggio; Paolo Maninchedda parlerà invece degli ovini come risorsa e del futuro del formaggio prodotto in Sardegna.

Il convegno sarà intercalato dalla degustazione di formaggi con ricette di ieri, di oggi e di domani a cura di Ristorante HUB, con lo chef Leonardo Marongiu.

Domenica mattina sarà invece la volta di “Agricoltura Conservativa: tecniche di minima lavorazione e semina su sodo - prove in campo- teoria e pratica", a cura delle Agenzie LAORE e AGRIS.

A seguire, le premiazioni del 10^ Premio Rotary Club di Macomer.

Ancora, il seminario curato dalle APA di Nuoro-Ogliastra e di Oristano, dall'Aia e dall'Ara Sardegna, “La distintività delle razze bovine locali da carne: la sardo-modicana tra valorizzazione e rischio di estinzione”.

Due giorni intensissimi che offrono contenuti ed esposizioni di particolare interesse per gli operatori del settore, ma anche tanti eventi collaterali per attirare le famiglie in un fine settimana all'insegna del gusto e della tradizione. 

"Dopo il disguido della scorsa settimana dovuto al maltempo, che ci ha obbligato ad un rinvio, siamo pronti per la Mostra degli Ovini e la Fiera dei Formaggi - ci dice Rossana Ledda, Assessora alle attività produttive di Macomer - abbiamo lavorato affinchè l’evento sia adeguatamente partecipato e abbia ricadute favorevoli  per tutte le numerose attività, oltre 100, che hanno aderito, sia negli spazi interni che in quelli esterni. Macomer conferma la sua attenzione al mondo agropastorale, agroalimentare e a tutta la filiera, promuovendo e lavorando sugli eventi e sulla capacità di organizzarli e di avere la centralità e  le strutture per potenziarli".

L'appuntamento è per questo Sabato 12 e Domenica 13 Maggio presso il polo fieristico del Monte di Sant'Antonio a Macomer. 

 

Giulia Serra

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK