Partecipa a IlMarghine.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Contribuisci alla Tutela del Territorio? Ti riduco o ti esento dal pagamento di alcuni Tributi: è l'interessante strumento messo in campo dal Comune di Macomer

Condividi su:

MACOMER. Contribuire alla cura, alla tutela e alla manutenzione dei beni pubblici come le aree verdi e gli spazi comuni e ricevere in cambio riduzione o esenzioni di tributi in base all'attività svolta.

Questa la proposta presentata dall'Assessore al Bilancio del Comune di Macomer Gianfranco Congiu e accolta dalla Giunta presieduta dal Sindaco Antonio Succu nella seduta del 10 Luglio.

L'innovativo strumento, previsto dall'articolo 24 dello Sblocca Italia, apre alla collaborazione tra cittadini e amministrazione pubblica, favorendo interventi di cittadinanza attiva nel territorio e “responsabilizzando” chi vive i luoghi.

In periodi di ristrettezze economiche per i comuni, alle prese con il patto di stabilità e con i tagli del Governo Centrale, l'applicazione del “Baratto Amministrativo” (questo il nome della misura) potrebbe risolvere molti dei problemi di gestione e di pulizia delle aree pubbliche comunali, coinvolgendo appunto gli stessi cittadini, rendendoli consapevoli e protagonisti della tutela del territorio e offrendo loro in cambio uno sgravio tributario.

"La misura - dice l 'Assessore Gianfranco Congiu - si inserisce perfettamente nell'ambito delle politiche di coinvolgimento della popolazione nei processi di valorizzazione e cura del nostro territorio, inaugurate nel 2014 con il Regolamento comunale sulle Sponsorizzazioni, con il regolamento sulle concessioni degli immobili alle associazioni  e che proseguono con questo innovativo strumento. La novità' è che da oggi sarà possibile operare anche delle riduzioni del carico tributario , circostanza da non trascurare in questo particolare momento".

Un metodo intelligente e pratico quello messo in campo dal Comune di Macomer, che potrebbe, ci auguriamo, essere esteso e applicato a tutti i Comuni del Marghine. 

Condividi su:

Seguici su Facebook