Partecipa a IlMarghine.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Macomer. Studiare la "Casa Intelligente": all'Amaldi sbarca la Domotica

a cura della Redazione
Condividi su:

MACOMER. Si è svolto nei giorni scorsi, nei laboratori dell’Istituto Professionale “E. Amaldi”, un corso sulla domotica rivolto ai docenti e ad alcuni allievi scelti, con il criterio del merito scolastico, fra i più preparati nelle materie tecnico-professionali dell’indirizzo elettrico/elettronico.

Il corso è stato organizzato dalla scuola nell’ambito della formazione dei docenti sulle nuove tecnologie in materia di automazione degli edifici di tipo civile, terziario, ed industriale ed ha avuto come partner tecnico la Schneider Electric, una delle aziende leader mondiale nel settore della produzione e progettazione delle apparecchiature e degli impianti nel settore della domotica.

La domotica rappresenta lo sviluppo, per il prossimo futuro, dell’impiantistica elettrica attraverso sistemi di controllo “intelligenti” che consentono il funzionamento, la gestione, il controllo di un impianto elettrico attraverso sistemi automatizzati e computerizzati che è possibile comandare anche a distanza. Tutto questo consente di avere livelli elevati di efficienza e risparmio energetico, di sicurezza, di flessibilità e di confort che faranno della “casa domotica” la casa del nostro futuro.

"Anche attraverso corsi di formazione di questo tipo - sostiene il Dirigente Scolastico Massimo De Pau - e in particolare attraverso l’impiego delle apparecchiature e delle tecnologie che sono state studiate e utilizzate durante lo stesso corso, si vuole, ancora di più, qualificare ed elevare il livello di preparazione dei docenti e, di conseguenza, degli allievi che frequentano l’Istituto Professionale “E. Amaldi”, da quest’anno sede staccata dell’Istituto di Istruzione Superiore “S. Satta” di Macomer".

Aver partecipato al corso di formazione sulla domotica della Schneider Electric –dicono gli allievi Antonello Cappai e Giorgio Piras - è stata un esperienza dal notevole valore istruttivo che ci ha fornito le basi per affrontare al meglio il futuro della progettazione impiantistica nella quale la domotica avrà un ruolo da protagonista. Ringraziamo il nostro Istituto per averci offerto questa opportunità” 

Condividi su:

Seguici su Facebook