Borore. La settimana dedicata alla Prevenzione dei Tumori della Pelle tra incontri informativi e screening

| Categoria: Attualità
STAMPA

 

BORORE. Martedì 10 ottobre, alle ore 18:00 e presso la Sala Conferenze del Museo del Pane di Borore, si terrà un importante convegno dedicato al tema “Prevenzione dei tumori della pelle”, organizzato dalla Farmacia Cadeddu e dall’AVIS Borore, in collaborazione con “Sardegna For You” – Servizi alla persona. Il dibattito verterà principalmente sulla tematica oggetto dell’incontro e sarà illustrato dalla Dott.ssa Valentina Amadu, specializzata in dermatologia e venereologia ed esperta in allergologia e medicina estetica.

Tutto ciò in preparazione della giornata di Venerdì 13 ottobre, dalle ore 9:00 e presso i locali delle Ex scuole medie di Borore in Via Don Milani, dove verranno effettuati gli screening per la prevenzione dei tumori della pelle, i quali sono soggetti a prenotazione anticipata e che saranno seguiti dalla Dott.ssa Amadu.

Questi importanti appuntamenti non sono nient’altro che il proseguo di quel progetto portato avanti dalla Farmacia Cadeddu, dall’AVIS Borore e da Sardegna For You ed iniziato lo scorso 1° Luglio in occasione della giornata dedicata agli screening alla Tiroide, Carotide e Aneurisma; il quale, hanno dichiarato gli organizzatori, verrà potenziato nei mesi futuri per dedicare alla prevenzione uno spazio sempre più importante nella vita di tutti i cittadini ed in particolare nei confronti dei giovani.

“Aumentano nel mondo e in misura ancora maggiore nel nostro paese le persone colpite da tumori della pelle : in meno di 20 anni l'incidenza del melanoma è quasi triplicata ed è ormai diventata terza diagnosi di carcinoma più frequente sopra i 45 anni; ma non possono essere trascurati anche gli altri tumori cutanei e lesioni precancerose, particolarmente frequenti soprattutto negli uomini e nelle aree fotoeesposte , come il viso , cuoio capelluto, collo e braccia. I numeri parlano chiaro: in Italia sono 40-140 i nuovi casi ogni 100.000 abitanti di neoplasie diverse dal melanoma, che pur essendo meno aggressive, rappresentano il 20% di tutti i tipi di tumori. Nel nostro Paese si stima che vengano diagnosticati circa 70mila casi (40mila nei maschi e 30mila nelle femmine) di tumori non melanoma, ovvero quelli più diffusi e anche meno conosciuti. Secondo alcune statistiche, la cheratosi attinica, il carcinoma basocellulare e squamocellulare affliggono circa il 16% della popolazione generale tra i 30 ed i 70 anni. Conoscerli ancora prima di prevenirli oggi è necessario, forse indispensabile. Il nostro pensiero è che sia importante investire in ricerca, e innovazione terapeutica, ma riteniamo diventi fondamentale farlo in programmi di screening, solo attraverso questi ultimi infatti è realmente possibile fare diagnosi precoci, una delle poche armi a disposizione della comunità scientifica per sconfiggere queste patologie”

Contatti

redazione@ilmarghine.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK