Macomer, Covid-19. Alunna positiva, disposta la chiusura del Liceo

| Categoria: Attualità
STAMPA

 

MACOMER. Prima la didattica a distanza per una classe del Liceo, ora la chiusura temporanea dell'intero Istituto. Il Sindaco Antonio Onorato Succu ha appena comunicato che la studente del Liceo di Macomer di Macomer, il cui genitore era risultato positivo al Covid-19, è risultata a sua volta positiva al tampone.

Per questo la direzione scolastica e l'Ats hanno condiviso la necessità di chiudere l'intero istituto e sottoporre a tampone sia tutti i compagni di classe dell'alunna, sia gli insegnanti.

Di seguito, il comunicato firmato dal Primo cittadino di Macomer

 

Due giorni fa la Dirigente Scolastica del Liceo cittadino ha precauzionalmente e, giustamente, ordinato l’attività didattica a distanza per un intera classe dell’Istituto. Il motivo era la positività di uno dei genitori di un’alunna.

Oggi, purtroppo, ci perviene la notizia che anche l’alunna in questione, sottoposta a tampone, è risultata positiva.

Pertanto, potenzialmente, potrebbero essere stati contagiati non solo i compagni di classe, ma anche gli insegnanti, che ruotano anche in altre classi.

Pertanto ho condiviso con la Dirigente scolastica, Prof.ssa Cappai e con il Dirigente Responsabile dell’Igiene Pubblica Assl Nuoro e ATS, la necessità di chiudere temporaneamente l’Istituto, che continuerà ad operare con la didattica a distanza, per un congruo periodo di tempo.

Il tempo di chiusura dell’Istituto servirà:

- a sottoporre a tampone gli alunni della classe interessata e gli insegnanti che l’hanno frequentata. Consiglio ad alunni ed insegnanti, potenzialmente contagiati, di adottare ogni precauzione orientata all’ulteriore diffusione del contagio.

- per verificare l’andamento epidemiologico all’interno del contesto scolastico, ossia l’insorgenza di sintomatologia sospetta per covid nelle persone potenzialmente esposte. Ovviamente, in caso di insorgenza di sintomatologia nei suddetti, consiglio di contattare immediatamente il proprio medico di famiglia.

Durante le interlocuzioni odierne il Dr. Stochino, Dirigente Responsabile ATS, mi ha rassicurato sul rispetto della tempistica relativamente all’effettuazione dei tamponi (che sta creando non pochi disagi), annunciando che da domani le USCA saranno potenziate con altri 4 medici.

Ribadisco che i Sindaci, che rappresentano i cittadini, hanno necessità di avere le risposte degli esami nei tempi più rapidi, tagliando i tempi morti. Questo serve, non solo a dare risposte alle persone interessate, ma anche per sviluppare più efficaci sinergie di intervento fra istituzioni al fine di prevenire ulteriori contagi.

PS non mi sento affatto di attribuire la responsabilità di questa seconda ondata Covid19 ai giovani.

Ritengo che la responsabilità sia culturale e diffusa in tutti gli strati della popolazione attiva, aggravata in determinati contesti dagli interessi economici, anche legittimi. Il fatto stesso che il Viminale autorizzi i Prefetti all’utilizzo dell’Esercito per i controlli anti Covid, certifica lo scarso e diffuso senso civico di troppi.

 

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK