Partecipa a IlMarghine.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Macomer. L'ex Assessore Gordini assunto dalla Ecotrash, la società che gestisce la Raccolta Differenziata: le Minoranze chiedono chiarimenti

Condividi su:

 

MACOMER. Si è avuta notizia che l’ex Assessore all’Ambiente ed ai Lavori Pubblici Marco Gordini ha recentemente avviato un rapporto professionale con l’Ecotrash, la società che per conto della CICLAT gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti urbani e che nella fase della gara d’appalto era stata al centro di vivaci polemiche per il ruolo di proprietario rivestito da uno zio dello stesso Gordini, tanto che Egli in data 2.10.2015 dovette  rassegnare le dimissioni dalla carica di Assessore all’Ambiente, sia pure con la motivazione poco plausibile di non essere stato a conoscenza di tale intreccio.

Rammentiamo che alcuni mesi dopo il sindaco Succu ripescò all’interno della Giunta lo stesso Gordini affidandogli la delega dei Lavori Pubblici ed Urbanistica, salvo revocargliela sette mesi dopo in occasione dell’ultimo rimpasto avvenuto poco prima che Egli prendesse servizio presso il cantiere Ecotrash di Macomer.

Tutte queste vicende appaiono strettamente connesse tra loro, rappresentano una delle fasi meno limpide e trasparenti della storia della nostra Città e pongono l’esigenza imprescindibile di un chiarimento politico, potendosi delineare in esse un grave conflitto di interessi non tanto riferito ad una persona, ma all’intera maggioranza che sorregge la Giunta Succu.

Consideriamo indispensabile ed urgente che il Sindaco chiarisca in sede di Consiglio comunale tutti i lati oscuri di questa vicenda, apparendo poco credibile che Egli non fosse a conoscenza del fatto che un suo  assessore appena uscito dalla Giunta, veniva assunto dalla società che gestisce il principale servizio pubblico della Città.

Nella seduta consiliare del 29.6.2016 abbiamo ampiamente documentato come il Comune in questi mesi sia stato cieco di fronte al crescente degrado della Città e  sordo rispetto alle proteste dei cittadini, omettendo di contestare e contrastare in maniera efficace le gravi carenze nell’espletamento del servizio di igiene urbana e nel rispetto del contratto di servizio; carenze che sono tali da comportare la risoluzione del contratto per inadempienza dell’appaltatore.

Il fatto che tale situazione intollerabile non venga affrontata in maniera risolutiva, ma si assista invece all’assunzione da parte della ditta che gestisce il servizio di un assessore ed esponente della maggioranza, è motivo di profondo sconcerto e di grave preoccupazione e getta pesanti ombre sulle stesse dinamiche che hanno portato al secondo rimpasto della Giunta Succu.  

 

                                                                                              I Consiglieri comunali

Rita Atzori           Federico Castori           Giuseppe Ledda          Giuseppe M. Pirisi          Riccardo Uda                   

Condividi su:

Seguici su Facebook