Partecipa a IlMarghine.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Macomer. Amministrative 2018, la proposta politica di Maria Luisa Muzzu

Condividi su:

 

MACOMER. Umiltà, fierezza ed entusiasmo, ma anche equità, coesione e solidarietà: sono queste le parole chiave scandite ieri sera da Maria Luisa Muzzu, classe 1967, dermatologa di Macomer che, alle prossime elezioni amministrative di Giugno, guiderà una lista eterogenea riunitasi attorno ad un nuovo progetto politico col quale si candida a governare la città.

Forze politiche diverse, tra le quali quelle rappresentate oggi in Consiglio da Giuseppe Pirisi, Giuseppe Ledda e Riccardo Uda, il desiderio di ampliare la base elettorale smussando gli angoli del personalismo politico, il desiderio di “pacificazione” e una donna, alla prima esperienza amministrativa, che ne rappresenta la sintesi.

La sua prima uscita pubblica ha sicuramente colto nel segno, visto l'elevato numero di persone che hanno riempito la sala delle ex caserme Mura.

Visibilmente emozionata, Maria Luisa Muzzu ha fatto un discorso sobrio e di ampio respiro: ha preferito non entrare nello specifico dei temi caldi macomeresi e neppure polemizzare con gli attuali amministratori, ma ha dato il passo che ha intenzione di seguire per dare una svolta alla città.

La persona e i suoi bisogni sono il punto di partenza di ogni ragionamento e la sfida dichiarata è quella del ridare protagonismo alla comunità senza lasciare che nessuno resti indietro: «il nostro è un progetto di valore – ha detto la candidata Sindaca – abbiamo una visione completamente diversa dalla maggioranza uscente. Nessuna decisione calata dall'alto, ma umiltà, perché i problemi si risolvono con l'ascolto ed il dialogo».

Scelte condivise dunque e centralità delle persone, per ridare voce ai cittadini, chiamandoli ad esprimersi direttamente sui temi più rilevanti, dal Cpr all'inceneritore di Tossilo.

Per affrontare i problemi reali, anzitutto quello urgente del lavoro, la linea individuata dalla candidata è quella di un approccio approfondito, di una analisi seria e complessiva che eviti le soluzioni semplicistiche, che spesso si rivelano solo temporanee, non realmente risolutive e talvolta perfino dannose: «l'utilizzo di una crema non risolve il problema della cellulite» - ha chiosato con ironia Maria Luisa Muzzu.

Un passaggio spiccatamente di genere infine nel suo discorso di presentazione al pubblico, a rimarcare l'importanza sociale della donna e la necessità di un impegno sempre maggiore per affermare quella parità ancora troppo lontana: «sono fiera come donna per il ruolo da candidata, in una società come la nostra nella quale le donne faticano ancora troppo ad emergere e dove la violenza di genere riempie tragicamente le cronache dei giornali».

Ad aprire l'appuntamento, con una relazione decisamente critica nei confronti dell'amministrazione guidata da Antonio Succu, è stato invece Riccardo Uda, unico altro esponente politico a parlare pubblicamente nel corso dell'incontro di ieri.

Toccando questioni come quella della Caserma della Guardia di Finanza e del Cpr, passando per il mancato Referendum e sulle modalità decisionali che escluderebbero i cittadini, Uda si è soffermato però in particolare sugli aspetti finanziari che hanno contraddistinto il governo di Macomer, puntando il dito sulla scelta, considerata scellerata, di non contrarre nel 2013 un mutuo per pagare il debito, legato agli espropri, di circa 1 milione di euro: «non avendo contratto il mutuo entro un anno, hanno dovuto gravare sulle tasche dei cittadini aumentando l'addizionale Irpef. Per restituire quel milione di euro tra il 2014 e il 2016, hanno vessato in particolare i cittadini meno abbienti».

Lo stesso Uda ha poi confermato che dei 5 consiglieri di minoranza uscenti, solo 3 saranno candidati alle prossime amministrative: Giuseppe Ledda e Giuseppe Pirisi, pur collaborando al progetto e mettendo a disposizione la propria esperienza, non saranno in lista per lasciare spazio ad un necessario rinnovamento.

Il progetto guidato da Maria Luisa Muzzu sfiderà il prossimo giugno la lista del sindaco uscente Antonio Succu, quella del Movimento 5 Stelle e quella, non ancora ufficializzata, guidata da Gina Falchi.

Condividi su:

Seguici su Facebook