Negli scatti di Andrea Lai le panchine della Sardegna

Nel suo blog la raccolta dei "setzidòrgios" dei comuni fino ad ora fotografati

| di Mauro Piredda
| Categoria: Territorio
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Ci sono tanti modi di documentare un viaggio in Sardegna. Il sassarese Andrea Lai ha scelto "un comodo punto di vista", ossia la panchina. Nel suo blog ne troviamo diverse: marmoree, trachitiche, ferree, granitiche, a ridosso di una chiesa o vicine a una fontana. Sono oltre cento gli scatti che ci mostrano questi particolari scorci sardi.

Da dove nasce l'idea?

Nei week end mi piace visitare i centri storici della sardegna. Di ogni paese che visito volevo conservare un ricordo fotografico, un qualcosa che potevo trovare ovunque. Mi serviva quindi un soggetto particolare, perchè una piazza, una chiesa o il comune mi sembravano un po' banali. Una panchina, invece, mi sembrava avesse un significato particolare: è un luogo di riposo, di osservazione, di scambio di due chiacchiere, insomma un luogo umano, di socializzazione.

Hai in mente di coprire tutti i Comuni sardi?

Il mio obiettivo è proprio quello di avere una foto per ogni comune anche se mi sono reso conto che molte volte ci sono delle frazioni che sono dei micropaesi o che presentano un scorcio particolare. Per questo motivo nel blog si trovano anche due-tre foto per paese.

Come vorresti che venisse utilizzato il tuo blog?

Mi piacerebbe che, per ogni panchina, ci fosse un commento fotografico di persone che su quella panchina ci sono stati.

Di seguito le foto delle panchine del Marghine.
 

Mauro Piredda

Contatti

redazione@ilmarghine.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK