Partecipa a IlMarghine.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Inceneritore di Macomer. "La crisi era annunciata. In Consiglio Comunale solo una sceneggiata". Il documento di Non Bruciamoci il Futuro

Condividi su:

 

Macomer.  "Non abbiamo mai sottovalutato la portata della crisi della Tossilo SPA, ma non immaginavamo che il fallimento del sistema di incenerimento di Tossilo, i cui riflessi preoccupanti stanno interessando soprattutto i 38 lavoratori, fosse di questa portata, grazie soprattutto alla mala gestione della Tossilo SPA e alle scelte scellerate dei nostri amministratori e decisori politici.

In consiglio comunale è stato annunciato che l’unica alternativa per risolvere l’emergenza Tossilo è quella di chiudere le due linee di incenerimento, mettere i lavoratori o parte di essi in Cassa integrazione e contratto di solidarietà, avviare la costruzione del nuovo inceneritore e nel frattempo destinare i rifiuti, a costi scontati, nella discarica di Ozieri.

Il tutto sembra accadere come un fulmine a ciel sereno, ma in realtà sarebbe bastato andarsi a leggere le relazioni degli ultimi anni ai bilanci della Tossilo, per capire che il dissesto era annunciato, senza bisogno di mettere su la sceneggiata alla quale abbiamo assistito in Consiglio comunale, con i soli responsabili della Tossilo e del Consorzio sul banco degli imputati, insieme alla “lentezza della burocrazia”, e gli amministratori che si autoassolvono così da qualsiasi responsabilità.

Infatti i documenti della Tossilo attestano

  1. la costante diminuzione dei conferimento dei rifiuti (nel 2014 è stata del 15,41% rispetto al 2012) e dunque della produzione,”che rende sempre più difficile il pareggio di bilancio”

  2. il mancato incenerimento di tutti i quantitativi conferiti (19.652 t su 32.937 nel 2012, 17.627 su 30.834 nel 2013), il restante è stato mandato in discarica

  3. la conseguente veloce diminuzione dei volumi disponibili nella discarica di Monte Muradu

  4. la mancata commercializzazione del compost prodotto per non aver acquisito le necessarie certificazioni/autorizzazioni

  5. la cessazione dell’affidamento del servizio di raccolta differenziata da parte di numerosi Comuni, 8 su 10 nel 2014. Nel 2015 probabilmente cesserà anche il servizio per con gli ultimi 2 (Birori e Borore), con conseguente perdita dei 3 addetti

  6. la mancata entrata in esercizio della piattaforma di prima valorizzazione.

 

Questa situazione, come dichiarato dai bilanci della Tossilo, non si è creata dall’oggi al domani, ed era sicuramente nota da anni a diversi consiglieri comunali che sino a poco tempo fa facevano parte del CdA della Tossilo, come Giovanni Biccai, assente alla riunione di Consiglio, che ne era presidente prima della nomina dell'ing. Demontis come amministratore unico.

Eppure, constatata la gestione fallimentare della Tossilo SPA, l’incapacità e l’inadeguatezza dei suoi amministratori, non è stata minimamente considerata la possibilità di richiedere lo scioglimento della società, con la presa in carico diretta, come avvenuto già nel passato, da parte del Consorzio Industriale che detiene il 99% del pacchetto azionario. Se non altro si risparmierebbe sui compensi dei componenti degli organi societari.

Non c’è stato neanche un minimo tentativo di ragionare sulla prospettiva futura di Tossilo come Piattaforma dei rifiuti valorizzabili, come fra l’altro indicato dal Piano regionale di Gestione dei Rifiuti laddove prevede la dismissione del sistema di incenerimento, prospettiva che pian piano sta sfumando a favore di altri territori. E’ di qualche giorno fa l’approvazione di un progetto ad Ottana per la realizzazione di un impianto di primo conferimento e valorizzazione dei materiali da raccolta differenziata, di riselezione del plasmix e di ritiro e valorizzazione di rifiuti speciali non pericolosi mentre a Tossilo l’impianto per la selezione e pressatura degli imballaggi della piattaforma di valorizzazione dei rifiuti non decolla anche per l’incapacità degli amministratori del Consorzio e della Tossilo che, a distanza di due anni dalla sua realizzazione, non sono ancora riusciti a renderlo operativo creando alternative per i lavoratori della Tossilo.

 

Ma di questo nulla dice il Consiglio comunale, né preoccupano le scelte irresponsabili e illegittime assunte in questi ultimi 6 anni dalla politica e dall’apparato tecnico-amministrativo regionale, subite in modo altrettanto irresponsabile dal Comune di Macomer.

In realtà si ha paura di fare scelte coraggiose o sono forti gli interessi in gioco che vanno difesi prima di ogni altra cosa. Non si può chiudere un Consiglio auspicando che per i lavoratori si trovi una soluzione. Non è accettabile!

 

La strada che si sta seguendo è piena di insidie e il suo percorso potrebbe essere interdetto da un esito positivo dei ricorsi proposti al TAR dal Comitato cittadino Non bruciamoci il futuro, dall’associazione Zero Waste Sardegna, dall’Unione dei Comuni della Barbagia e dal Comune di Nuoro per l’annullamento degli atti relativi alla realizzazione del nuovo inceneritore".

Condividi su:

Seguici su Facebook