Partecipa a IlMarghine.net

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Unione dei Comuni del Marghine: "Infamie e proposte sessiste nei confronti di una agente della Polizia Locale: gesti gravissimi che non devono restare impuniti"

Condividi su:

MACOMER. Riceviamo e pubblichiamo la nota diffusa dall'Unione dei Comuni del Marghine su quanto accaduto ai danni di una dipendente. L'ente annuncia la possibilità di costiutirsi parte civile

Nei giorni scorsi una agente della Polizia Locale dell’Unione dei Comuni del Marghine, è stata vittima di ripetute infamie e proposte sessiste divulgate sui social, per aver eseguito i dovuti controlli volti a limitare il contagio del COVID-19 e a garantire la sicurezza sanitaria nel territorio in cui opera. Nell’esprimere la propria vicinanza alla sua dipendente, l’Unione di Comuni del Marghine condanna fermamente quanto avvenuto, precisando, inoltre, che lo spalleggiamento e lo schernimento, a supporto di chi pubblica tali offese ledendo la dignità altrui, sono comportamenti altrettanto vili e incivili. L’unione di Comuni del Marghine sta valutando la possibilità di costituirsi parte civile, per tutelare al meglio la sua dipendente e non lasciare che gesti tanto gravi passino inosservati.

Condividi su:

Seguici su Facebook