Partecipa a IlMarghine.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Bolotana. Scatti dal Festival Folk Internazionale

Condividi su:

 

BOLOTANA. Si è conclusa Sabato a tarda notte la 3 giorni bolotanese dedicata al Folk Internazionale: un successo di pubblico anche quest'anno per l'evento organizzato dal collaudato gruppo dell'Associazione Ortachis, ravvivato e rinvigorito dalla presenza di un folto numero di giovanissimi, divenuti negli anni parte essenziale e operativa dell'importante Festival.

Dopo la prima serata, interamente dedicata alla cultura sarda e alle nuove leve che nei prossimi anni porteranno nel mondo la tradizione isolana ( sul palco si sono esibiti i gruppi Mini Folk di Nuoro, Silanus e Bolotana: quest'ultimo, con grande sorpresa del pubblico, costituito da circa 50 componenti ), le due successive giornate internazionali si sono caratterizzate per una vera e propria esplosione di colori, musiche e danze: popoli che s'incontrano e si confrontano, in uno spazio che è quello che da ben 24 anni rinnova ed esalta una tradizione di ospitalità ed apertura: il paese di Bolotana.

 

E l'Associazione che ha reso possibile tutto questo , quella Culturale e Folclorica Ortachis, si gode ovviamente il risultato ma già si proietta nel 2017, per quella che sarà una edizione sicuramente particolare: “Il nostro – dice il Presidente Antonello Zoloè l'unico Festival della Provincia di Nuoro che è arrivato a tagliare il traguardo dei 25 anni. Ne siamo orgogliosi e cercheremo di organizzare per il prossimo anno una festa e un festival all'altezza di questa importante linea di continuità”.

 

Nella due giorni appena conclusa, grazie all'infaticabile attività dell'Associazione, sul palco bolotanese si sono esibiti gruppi come Argentina, Cuba, Siberia, Sud Africa, Caucaso, Bolivia e India, alternatisi a quelli isolani di Mara, Bottida e Milis, senza dimenticare i Tamburini di Oristano, e le Maschere di Austis: uno spettacolo che, da decenni ormai, fonde culture lontane e rimanda una dimensione d'insieme che narra di tradizioni che si conservano nel tempo ma anche s'incontrano e condividono tutta la bellezza della molteplicità.

In alto, per i lettori de ilmarghine.net , una selezione di foto dal Festival.

A Atteros Annos!

Condividi su:

Seguici su Facebook