Bolotana. Il silenzio su Coronas Bentosas: la Sindaca Motzo non risponde, la Consigliera Pisanu reitera l'istanza: “chiediamo la sospensione della procedura”

| di Giulia Serra
| Categoria: Attualità
STAMPA

 

BOLOTANA. Sul piano politico-amministrativo, c'è silenzio sulla scivolosa questione del progetto di raddoppio della Discarica di rifiuti speciali di Coronas Bentosas.

Dopo la mossa strategica delle “comunicazioni” rese dalla Sindaca Annalisa Motzo al Consiglio il 2 di Ottobre, dal palazzo comunale non è giunta più alcuna notizia ai cittadini sul tema.

Nell'attesa, sono passate le settimane ed il fattore Tempo e la sua dilazione, con l'emergenza Covid-19 alle porte, si è confermato il grande protagonista di questa controversa pagina della politica locale bolotanese.

Il 18 Ottobre il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte ha emesso il DPCM che impone una nuova stretta per contenere i contagi. Dalla sua entrata in vigore organizzare incontri pubblici non è più possibile, neppure nel borgo bolotanese che fino a quel momento risultava ancora indenne rispetto all'avanzata del virus (il primo caso di positività accertata a Bolotana verrà comunicato il 24 Ottobre, gli altri due il giorno successivo).

La Prima cittadina bolotanese - sulla quale pendono inevitabilmente le responsabilità politiche della mancata comunicazione ai cittadini sull'esistenza del progetto e dell'aver lasciato scadere i termini senza muovere alcuna osservazione nel merito al Servizio regionale competente sulla procedura di VIA (ma anche quelle delle informazioni quantomeno fuorvianti rese in Consiglio il 5 Agosto) - è riuscita magistralmente nell'ardita impresa di non rendere conto in sede istituzionale nel merito di quanto accaduto, “scaricando” sui dipendenti comunali il peso della vicenda e riconducendola dunque ad una svista burocratica (per la quale non è dato sapere, tra l'altro, se qualcuno abbia dovuto risponderne).

Aprendo una pagina inedita per la comunità e per la politica bolotanese – da sempre abituata a confrontarsi e anche a scontrarsi dialetticamente sulle questioni – la Sindaca di Bolotana ha scelto di ignorare la richiesta del gruppo di Minoranza protocollata il 14 Settembre, nella quale si chiedeva la convocazione urgente di un consiglio comunale aperto sul tema.

Secondo il Regolamento comunale, entro 20 giorni la Sindaca Motzo avrebbe dovuto indire l'assemblea. Una convocazione che non vi è mai stata. Nessun consiglio aperto e nemmeno nessun riscontro formale alla richiesta dell'opposizione.

Se si tratti di sgarbo istituzionale o, piuttosto, di grave violazione del Regolamento, è materia che compete certamente ad altri, ma è indubbio che rispetto a questa sfuggente pagina dell'Amministrazione pubblica locale, al di là dei formalismi, resti intatta la necessità di fare chiarezza.

Nessuna notizia, da Settembre ad oggi, neppure sull'annunciato incontro al quale invitare la società Barbagia Ambiente per presentare il progetto di raddoppio della discarica di Coronas Bentosas: passaggio che la Sindaca Motzo aveva dichiarato essenziale per informare i cittadini.

Nessun cenno di vita neppure dalla Giunta comunale: ad oggi sulla questione del raddoppio non vi è riscontro di dichiarazione alcuna da parte degli Assessori comunali e men che meno da parte di colui che detiene la delega all'Ambiente, Stefano Nieddu.

Il 19 Ottobre la Capogruppo di Minoranza Antonella Pisanu, a fronte del DPCM del 18 Ottobre, ha deciso di ritornare sul punto e di scrivere alla Sindaca Motzo: “come più volte richiesto verbalmente e non avendo mai avuto seguito nessuna iniziativa alle richieste inoltrate, sollecita per iscritto a farsi portavoce della comunità presso le sedi opportune a che la procedura di VIA in oggetto venga temporaneamente sospesa alla luce del nuovo DPCM emanato in data 18/10/2020”.

Questa volta Annalisa Motzo avrà risposto? No. La Sindaca non ha risposto neanche a questo invito e la Capogruppo, trascorsa una settimana, ha deciso di reiterare la richiesta all'attenzione della Sindaca, nella quale “sollecita tempestivo riscontro non avendo ricevuto ancora risposta neanche per le vie brevi. Chiede di sapere se la proposta è stata presa in considerazione e nell’ipotesi se sono state intraprese nuove interlocuzioni. Per contro, sollecita risposta scritta anche nell’eventualità che quanto proposto non possa essere valutato o per ragioni da motivare non sia stato preso da Lei in considerazione. Ritiene inoltre che la richiesta di sospensione della procedura trovi giustificato motivo in considerazione dell’aggravarsi della situazione di emergenza Covid19 che impone il rispetto soprattutto di regole e indicazioni che ancora e maggiormente non consento nessuna possibilità di incontro e a oggi di spostamento se non per giustificato motivo dal territorio comunale DPCM del 24 ottobre 2020 art. 1, comma 4”.

In attesa di verificare se alla fine Annalisa Motzo deciderà di accogliere o meno l'iniziativa proposta dalla Consigliera Pisanu e quindi di proporre al Servizio regionale SVA una sospensione della procedura per l'impossibilità, ora reale, di illustrare ai suoi concittadini il piano di raddoppio della discarica di rifiuti speciali, il tempo scorre inesorabilmente.

Il termine per presentare le osservazioni nel merito del progetto della Barbagia Ambiente, se non dovessero intervenire sospensioni, scade il 17 Novembre.

 

Giulia Serra

Contatti

redazione@ilmarghine.net
tel. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK